Il risveglio di Comma 22

Il nostro lettore che si firma Comma 22 e che in passato ci ha già raccontato un suo sogno, oggi ci racconta il suo risveglio.

 

Anche i sogni più belli finiscono all’alba, per riportarci subitamente nella vita reale. E allora mi sono messo in cammino seguendo le indicazioni di Fausto alla ricerca di pezzi di verità, incontrando vecchi amici e amici mai conosciuti, scoprendo che la realtà qualche volta supera ogni immaginazione.

Fausto aveva capito dai maxi stipendi fuori regolamento dei massimi dirigenti  che il vero problema della CISL era la trasformazione da sindacato a società di affari e quindi la sua denuncia al segretario generale era rivolta al “ sistema Cisl”. Un passaggio lento che, negli anni, da percorsi di democrazia sindacale è scivolato verso scelte sempre più spinte di cooptazione ,fino alla attuale ferrea oligarchia. Una oligarchia, ovvero la degenerazione secondo Aristotele della aristocrazia, ovvero la sua forma più corrotta, fondata sul privilegio, l’opportunismo la fedeltà e il ricatto.

Senza scomodare Aristotele e Platone, “ un comitato di affari”.

Tra l’altro negli ultimi anni tutto ciò è stato evidenziato sui media a partire dal Fatto Quotidiano del 11 novembre 2013 relativamente al possibile conflitto di interessi in Cisl per le partecipazioni in Finlavoro, praticamente la finanziaria Cisl, Eustema e Aletheia.

E all’interno di quelle società ,si dice, andrebbe fatta una approfondita ricerca.

Altro che scandalizzarsi per le maxi retribuzioni! INGENUO ME.

E girando e girando ci si può imbattere anche in strane coincidenze ,come inciampando nei viottoli di Roma su un carteggio abbandonato e ormai illeggibile datato Cisl 2014, da far pensare ad un dossier ; ed in fondo tutto è possibile quando le relazioni personali diventano oggetto di ricatto.

Ma finalmente il XVIII congresso CISL.

In sintesi: la relazione e il programma sono state introdotte dal Pontefice, ma come se nulla fosse, non sono state recepite.

Del resto sono rimaste poche affinità tra i riti della Chiesa e quelli della Cisl: nella Chiesa morto un papa se ne fa un altro, nella Cisl celebrato il Congresso inizia il Congresso.

Inoltre nessuno è riuscito a vedere all’interno della casa di vetro, neppure i pochi interessati, e della strategia sindacale, se non per il futuro, almeno per i prossimi anni,sono rimaste le enunciazioni e gli auspici sulle pensioni e sul fisco di sempre.

E se il compito di un congresso oltre a definire le scelte sindacali è quello di scegliere il gruppo dirigente; lì le scelte sono state funzionali.

Allontanati Bemava, Farina e Lucianozi primi due proposti dal Segretario Gen. Furlan appena eletta il 31.10 .2014 e firmatari dell’espulsione all’unanimità di Fausto Scandola e il terzo eletto solo un anno fa, il 27.05 2016.

Tutti e tre però non coinvolti e legati alla precedente segreteria, poichè non facenti parte dei dirigenti apicali denunciati da Fausto Standola per i redditi dal 2009 al 2014, ma con l’aggravante di non aver sostenuto all’unanimità la segreteria in merito al commissariamento della Funzione Pubblica e soprattutto per il voto contrario in Esecutivo.

Non sono stati cagnolini fedeli a Crudelia.

E per tutti i cagnolini il messaggio del congresso è stato chiarissimo.

NELLA CISL CHI DENUNCIA VIOLAZIONI STATUTARIE E MALEFATTE VIENE ESPULSO, CHI LE COMMETTE E RIMANE FEDELE VIENE GRATIFICATO

Condividi il Post

7 Commenti - Scrivi un commento

  1. Caro amico , riprendo il tuo ultimo commento

    NELLA CISL CHI DENUNCIA VIOLAZIONI STATUTARIE E MALEFATTE VIENE ESPULSO, CHI LE COMMETTE E RIMANE FEDELE VIENE GRATIFICATO

    Non solo in Cisl ma anche in Fnp più sei di malaffare più resti in carica e in altre cariche. Sono tanti gli scheletri nell’armadio e che scheletri

    Reply
  2. Ho letto con interesse il ritorno alla realtà dell’amico deluso dal menefreghismo e strafottenza (direbbero a Napoli) con cui la Crudelia ed i suoi cagnolini hanno ignorato perfino il Papa dopo averlo strumentalizzato per i propri fini. e provo a dare una mia personalissima interpretazione dei fatti ed un cosiglio.
    Da qualche parte avevo letto tempo fa che i curatori del vocabolario inglese di recente avevano aggiunto un nuovo vocabolo che in italiano corrisponde alla post verità. Sul momento non riuscivo a capirne il significato.
    Ma una mattina al bar, sento un giovane romano di borgata che gridava ad un amico none lo voi capì che devi annà oltre tu non devi credere a quello che te dice o fa in quel momento, ma devi da pensà oltre cioè chiedeti perchè lo dice o lo fa? Ai capito fregnò ?
    Allora tutto mi fu chiaro la Crudelia non se ne può fregar di meno del Papa e di quello che dice perchè il suo obiettivo è un’altro che si scopre oltre per citare er ragazaccio.

    Reply
  3. CHE NELLA CISL CHI DENUNCIA LE MALFATTE VIENE ESPULSO E CHI LE COMMETTE RIMANE FEDELE COME CAGNOLINI VIENE GRATIFUCATO. NE ABBIAMO LE PROVE LAMPANTE. TUTTI I SEGRETARI CHE NEL 2014 A ROMA SI SONO OPPOSTI ALLE LORO REGOLE SONO STATI FATTI FUORI.

    Reply
  4. Concordo che gli scheletri nell’armadio della Fnp sono tanti non per niente hanno per segretario una mummia, pagato però come un faraone. Certo che siamo forti noi italiani abbiamo un sindacato di lavoratori fatto però per ben oltre il 50% di pensionati e gli altri oltre la metà sono fasulli (come ha fatto intendere il presidente dell’Inps). qualche giorno fa. E come se non bastassero gli stipendi faraonici rubano a man bassa e non c’è un cane di magistrato che intervenga.
    Bisogna far morire questa cisl per rifondarla oppure fondarne una alternativa .
    movimento per la riabilitazione di Fausto

    Reply
  5. Bravissimo Comma 22 ! Hai trovato anche tu il dossier Cisl 2014 … e ho capito che sai ciò che la postina e qualche suo complice hanno fatto nel 2014 .. sono arrivati ad usare la più pura delle innocenze umane per raggiungere i loro schifosi scopi ! E prima o poi pagheranno uno scotto enorme per quello che hanno fatto .. perché i segreti non restano tali per sempre … mai !

    Reply
  6. SAPPIATE CHE LE COSE CHE NON SI FANNO NON SÌ FANNO MA QUELLE CHE SI FANNO PRIMA O POI VENGONO ALLA LUCE. NON CAPISCO DOPO TUTTE QUESTE ACCUSE INFAME LA MAGUSTRATURA DOV’È.OPPURE ANCHE LORO HANNO DOVUTO METTERE I PARAOCCHI. PER MELA CISL È DESTINATA A MORIRE NON SE NE PO PIÙ.

    Reply
  7. Probi viri e imparzialità . La questione sollevata circa la condizione degli organi di c,d. Giustizia interna ad una associazione non è emersa solo oggi ma è una vecchia questione ma tornata alla ribalta è diventata importante oggi. Perché ? è evidente che da quando la vicenda di Fausto Scandola è apparsa, è come se si fosse aperto il vaso di Pandora. Oggi possiamo affermare a ragione veduta, che nessuno può sentirsi al sicuro e rassicurato, le domande sono sempre le stesse: chi li paga, quanto li paga può utilizzare questo strumento come cane da guardia ? La risposta è sì perché venendo meno la garanzia della impatizialita si massacra anche quella della trasparenza. Oggi il comitato di affari in attesa di una sollevazione e moti carbonari che dovrebbero accendere fuochi e tenere sulla graticola chi si sente …a torto sul piedistallo al sicuro, rischia . Rischia perché se commette altri errori gli si ritorceranno contro meidaticamente, non si può controllare tutto e chi non si controlla deve aver il coraggio di esser perseverante e perforante sino a quando non si modifica e prende corpo l’idea di assegnare a organi esterni la valutazione e la decisione di vicende interne per evitare scalate, epurazioni e allontanamenti. Diversamente per la cisl si mette male.

    Reply

Rispondi a ANONIMO Annulla risposta