Bisogno di cambiamento

La Cisl si è schierata per il Sì al referendum. E i risultati del referendum dicono che, con l’affluenza più alta di tutti gli ultimi referendum, il No vince col 59 per cento (dati provvisori).

Ma, qualcuno dirà, la Cisl non ha perso perché l’indicazione esplicita non è stata data. Solo che le “photo opportunity” parlano chiaro.

 

E poi c’è stato anche chi l’indicazione esplicita l’ha data.

“Questa riforma, che attendiamo da almeno trenta anni, apre anche la via maestra ad una reale autonomia regionale finalizzata a rafforzare il ruolo del Veneto nel contesto nazionale ed europeo.
Ecco perché invitiamo i veneti a votare nel referendum e a scegliere il Sì, l’unica scelta per chi vuole cambiare”.

Con queste parole, Onofrio Rota ha schierato la Cisl del Veneto per il Sì. E siccome non è mai stato un coraggioso, si è fatto firmare l’appello dai suoi predecessori, come un bambino che si fa accompagnare per la mano da fratelli e cugini più grandi.

I risultati provvisori del referendum in Veneto dicono che il No prevale col 62 per cento.

Quell’appello si intitolava “il Veneto ha bisogno di cambiamento”. Forse il primo cambiamento dovrebbe essere quello alla guida della Cisl regionale.

Onofrio, meglio se ti dimetti. Magari il cambiamento nella Cisl comincia proprio da te.

Ma ci crediamo poco. Perché per un gesto del genere bisogna avere un po’ di spessore politico e personale.

 

 

 

 

 

 

… e l’effetto Rota in Veneto

 

Condividi il Post

8 Commenti - Scrivi un commento

  1. Ma no cosa dite!!! La CISL, non si è mai schierata per il si; forse era quello che vi avrebbe fatto piacere, ma la CISL ha saputo essere equidistante, e i fatti lo dimostrano chiaramente;
    da un piccolo sondaggio interno, ordinato dalla Furlan pare risulti che, a parte i quattro gatti della sua cricca tutti gli altri cislini abbiano votato per il no (stanchi di farselo mettere in quel posto) da persone insignificanti, quanto arroganti e mafxxxx (proprio fotocopia dello loro idolo, aspirante Mussolini in miniatura molto ma molto mini)

    Reply
  2. Non si dimetteranno perchè hanno la faccia come le terga. A meno che non crollino tutti i loro riferimenti politici.
    In Veneto anche agli ultimi direttivi Fim in coda c’è stato uno stomacante e insistito appello per il sì.
    Del resto sono le stesse persone che dopo aver sostenuto Monti a spada tratta, contro gran parte della base, si sono convertiti al renzismo senza limitismo.
    Ai prossimi congressi territoriali li vedremo puntualmente schierati per farsi votare.
    Aria nuova? Spruzzeranno il deodorante.

    Reply
  3. con lo stipendio da 90 mila euro (dicono in Cisl più del doppio del suo da dipendente della multinazione?) con il suv, telefono, computer, pranzi ecc. pagati dalla Cisl si dimette?
    ma state scherzando

    Reply
  4. Cos’è il senso morale?
    Lincoln, parlando degli americani diceva: “leggono la stessa Bibbia, eppure il senso morale di quelli del sud ha permesso lo schiavismo mentre il senso morale di quello del nord l’ha abolito.”
    E’ stata questa la risposta che mi è venuta spontanea a chi, in campagna referendaria, mi chiedeva come potesse conciliare moralmente, il manifesto appoggio della Furlan, Bentivogli e tanti altri della CISL al SI col dichiarato No di Carniti e tanti altri.
    Luigi Viggiano

    Reply
  5. LEGGERE PER CREDERE- COSA HANNO AVUTO IL CORAGGIO DI SCRIVERE, AMMESSO CHE LA MAIL SIA VERITIERA
    Le nostre scelte sono state fatte, oggi come sempre, in piena autonomia rispetto alle dinamiche della politica. Non vogliamo esserne condizionati, men che meno subalterni.!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    E COME SE NON BASTASSE……….
    ” La figura di Carniti è sicuramente una delle più prestigiose, nella storia della Cisl, di cui ha contribuito certamente a  valorizzare in modo straordinario l’identità e l’autonomia.”
    Scusate ma questi sono andati proprio nel pallone, hanno perso la testa; che qualc’uno gli dia una regolata o una bussola; prima hanno trattato, anzi ignorato Carniti e adesso lo sviolinano.
    VOLTAGABBANA della peggiore specie, ecco cosa sono
    Viva la CISL LIBERA

    Reply

Commenti