Un giudice a Frosinone

Pur in mancaza di dettagli più precisi, confermiamo la notizia anticipata da un commento, e cioè che a Frosinone è stato accolto in Tribunale un ricorso contro il commissariamento della Fnp locale.

Se la decisione sia giusta o sbagliata, se il commissariamento fosse illegittimo come fu quello della Fai, o pretestuoso e strumentale come quello della Fp, o l’esito di un accordo poi non rispettato allo scopo di sostituire il segretario generale come quello della Usr Campania,, o una ritorsione politica – come quello della Fnp del Veneto, o quant’altro si potrebbe dire in base ai molti esempi recenti, non siamo in grado di dirlo. Né sappiamo se gli avvocati avessero scelto la strada del ricorso ex art. 700 cpc anziché quello o ex 23 cc, cioè il motivo per cui il nostro ricorso fu respinto senza esame del merito.

Quel che sappiamo è che c’è un giudice a Frosinone, e che questo giudice ha preso una decisione che rompe l’inazione della giustizia di fronte a situazioni in cui si chiede all’autorità pubblica di garantire il rispetto dei patti associativi.

E la cosa non può farci che piacere.

Condividi il Post

33 Commenti - Scrivi un commento

  1. Nella storia della CISL e delle altre organizzazioni sindacali le forzature e abusi dei poteri statutari sono stati sempre rigidamente evitate proprio per non permettere ai giudici di entrare nelle dinamiche politiche del sindacato, pena la perdita della sua preziosa autonomia. Le forzature gravi continue commesse, oltre a danneggiare persone che si sono avvalse della salutare dialettica, porterà rovina per la CISL introducendo per la prima volta i magistrati nelle dinamiche politiche della organizzazione, con grande danno alla sua autodeterminazione

    Reply
  2. I commissariamenti sdoganati come prassi frequente per eliminare ( sindacalmente) gli avversari sono ormai una costante. E, secondo me, sono una cosa vergognosa !

    Reply
    1. come disse il marchese ONOFRIO Del Grillo a Sua Santità è morta la giustizia….. in CISL è morta prima la DEMOCRAZIA e forse la GIUSTIZIA che se farà il suo corso prima o poi trionferà…

      Reply
  3. Che ormai la democrazia in CISL sia al livello di quella della Repubblica Popolare Cinese di MAO o della Cambogia di Pol Pot è cosa nota.
    La diversità di pensiero è ormai un delitto, da punire con i commissariamenti fotocopia….che si tratti di una grande struttura o una piccola struttura le dinamiche, gli argomenti e le motivazioni sono sempre le stesse.
    Chi pensa e sopra tutto pensa diversamente dai gestori deve essere annientato…denigrato e politicamente decapitato… in questa CISL ormai si pensa esclusivamente alla conservazione di poltrone e privilegi .
    Giulio Pastore ed il suo nobile pensiero sono ormai un lontano ricordo…lo statuto è costantemente violentato dai barbari moderni che imperversano ormai certi dell’impunità garantita da quegli stessi organi di controllo posti a garanzia del rispetto delle regole.
    Sia comunque chiaro a tutti come disse non molto tempo fà il segretario di una UST….
    “…..con queste carte non ci sono assolutamente i presupposti per fare alcun commissariamento a meno che non ci sia l’avallo di via…. ….” e l’avallo arriva sempre e puntuale per gli avversari dei fedelissimi poltronisti…
    Se poi ci si rivolge agli organi di garanzia ci si sente dire da chi peraltro percepisce lautissimi compensi che neanche un capitano d’industria arriva ad avere che …..”occorre sempre considerare che l’organizzazione ha i suoi naturali meccanismi di autodifesa…..” verrebbe da aggiungere a protezione di cosa ….???
    L’unico auspicio è che la verità viene sempre a galla e che la giustizia faccia il suo corso e trionfi spazzando via tutto questo ….

    Reply
  4. come disse il marchese ONOFRIO Del Grillo a Sua Santità è morta la giustizia….. in CISL è morta prima la DEMOCRAZIA e forse la GIUSTIZIA che se farà il suo corso prima o poi trionferà…

    Reply
  5. come disse il marchese ONOFRIO Del Grillo a Sua Santità è morta la giustizia….. in CISL è morta prima la DEMOCRAZIA e forse la GIUSTIZIA che se farà il suo corso prima o poi trionferà…

    Reply
  6. Autonomia non e' infrangere leggi e Statuto · Edit

    Vero la Magistratura non dovrebbe entrare nell’autonomia delle organizzazioni sindacali.
    E’ vero anche che la democraticità degli statuti e’ una condizione per esercitare le libertà sindacali. Con la gestione attuale i probiviri sono costituiti da persone che prendono indicazioni dalla segreteria generale. Sembrano i magistrati che hanno condannato Lula e poi altri han dovuto assolvere perché processo tutto politico. Lo Statuto, il regolamento, il codice etico non valgono per i fedelissimi che sono il99%. Le ispezioni andrebbero fatte a via Po nelle due sedi Cisl e Fnp. che a partire dai parziali quadri c pubblicati, sono fuori ogni regola.
    Il tesseramento per Fai, Fisascat e Fnp e’ tutto gonfiato.

    Per questo è purtroppo fondamentale come avvenne per la Ugl che la magistratura e non solo si occupino del rispetto delle
    leggi anche dentro tutte le
    altre organizzazioni a partire dalla Cisl.

    Reply
  7. Le forzature gravi commesse, perché sono gravi e impensabili per un sindacato, verranno sicuramente scoraggiate dal fatto che la magistratura potra’ intervenire. Il ricorso a quest’ultima è un presidio sacrosanto della nostra costituzione, difficile leggerlo come un ostacolo all’autonomia. Il ricorso presentato è stato ai sensi dell’art. 23 codice civile con istanza di sospensione cautelare della delibera di commissariamento. Purtroppo, però, la Fnp Cisl nazionale non ha gradito la decisione del Tribunale e formulando nuove accuse alla segreteria, appena riammessa dal Giudice nelle proprie funzioni, la ha COMMISSARIATA di nuovo. La battaglia è destinata a continuare, purtroppo

    Reply
  8. osservatore interessato · Edit

    Precedente interessante che rompe il clima di omerta’ che accompagna le decisioni della Cisl anche se nella fattispecie sono talmente prepotenti che hanno proceduto ad un nuovo commissariamento con altre motivazioni confermando che RAGAZZINI E’ IL CLASSICO FORTECON I DEBOLI VERGOGNA

    Reply
  9. Quando una dirigenza non rispetta per se il patto associativo e lo usa come clava nei confronti degli altri soci per ragione di potere utilizzando un collegio di garanti inadempiente del proprio obbligo di terzietà, l’autonomia della organizzazione non è più un bene prezioso. Dovremmo anzi compilare una lista di proscrizione perché i nomi sono noti e il fatto di metterli in piazza è la giusta e pacifica condanna. Spero che finalmente ci pensi la magistratura, perché l’associato è prima di tutto un cittadino che gode dei diritti costituzionali. Dopo vari tentativi dei giudici invocati, che in vario modo hanno evitato di pronunciarsi nel merito rimandando colpevolmente alla giustizia interna delle associazioni, il sapere che c’è “un giudice a Berlino” è motivo di soddisfazione.

    Reply
  10. Over 65 in isolamento · Edit

    Il primario del nostro ospedale cittadino di Bergamo, dice che gli over 65 dovrebbero restare in maggiore isolamento più restrittivo degli altri.
    Applichiamolo in Cisl Nazionale e negli enti nazionali.
    Pensate a quanti danni in meno farebbero? Possibile che dobbiamo mantenere questa gente che a Roma hanno autisti e fidanzate/i

    Reply
  11. Che il Tribunale civile di Frosinone abbia dato ragione al ricorso contro il lodo Probiviri cisl è notizia molto buona. Passatemi l’ironia… La Ciociaria non è forse la terra di Cicerone? I miei ricordi scolastici mi rammentano che tra le più celebri orazioni dell’arpinate vi è quella contro il ladro siciliano Verre. Se oggi Cicerone dovesse confrontarsi coi supremi boni viri di via Po soccomberebbe lui pure perchè con la cattiva coscienza non c’è che un giudice ma esso non è di questo mondo.

    Reply
  12. Lo stesso Avvocato · Edit

    Ma vi pare possibile che l’avvocato del segr gen della cisl sia lo stesso che difende il Boss Carminati di Mafia Capitale?

    Reply
    1. Non sappiamo a chi ti riferisci. Ma, di per sé, un avvocato non va giudicato dalle persone che difende perché tutti hanno diritto alla difesa.

      Reply
  13. Cari amici a Frosinone stanno succedendo cose folli, il commissario ha nominato 2 sub commissari, Mariano Ranieri e Francesco Marsella quest’ultimo con deleghe alle politiche amministrative, previdenziali, fiscali e tesseramento e altro. Come è possibile se questo soggetto non conosce come funziona un computer, non sa leggere un bilancio, non sa cosa è la previdenza, cosa è la fiscalità.
    Tutto questo serve solo a mettere le mani avanti sapendo che la magistratura li manda a quel paese e si stanno preparando x avere la maggioranza nel consiglio generale x sfiduciarli e quindi stanno facendo campagna acquisti. Auguri a Mariano Ranieri. I pensionati della provincia di Frosinone si RIBELLERANNO

    Reply
  14. Quell’ avvocato sarà il migliore della piazza, basta poterselo permettere e pagarlo a carrettate di soldi… Ovviamente a carico della comunità Cisl

    Reply
    1. Grazie per la segnalazione, ci permettiamo solo di consigliarti di non usare lo spazio del nome per scrivere l’oggetto del commento perché questo può creare confusione nella discussione come qualche volta è successo.

      Reply
    1. Per quel che sappiamo, la puntata è in preparazione. Ma sui tempi di trasmissione non siamo in grado di dire alcunché. Mentre ci sentiamo di escludere che gli attacchi ai giornalisti di Report siano da riportare alla dirigenza della Cisl. Anche perché avrebbe poco senso attaccare chi ti ha chiesto un’intervista che tu fai di tutto per non concedere. Di solito chi protesta lo fa per non aver avuto modo di dare la propria versione dei fatti, non per il contrario.

      Reply
      1. Nessuna meraviglia se Ali Babà e i 40 ladroni fossero riusciti a bloccare la puntata di REPORT che si annuncia alquanto scomoda per via PO 21 i PPVV e la FNP. I mezzi (non solo economici) non mancano. Mi sorprende nei toni la denuncia di Usigrai a difesa della libertà giornalistica. Troppo eccitati da far temere che lo smottamento è iniziato e la “protezione civile” è in pausa pranzo. Genova…Reggio…Forlì…Taranto…tutti santuari di Muratori con cazzuola, grembiule e compasso…
        Sotto la Loggia il triste corteo funebre della CISL passa seguito da becchini, rinomati avvocati e non mancano le piagnone che vendettero la propria reputazione a una scialba carriera dopo una giovinezza mai fiorita ma autunnale dalla nascita.

        Reply
        1. Che la puntata sia stata “bloccata” ci sentiamo di escluderlo. Semmai resta vero quel che già si sapeva, e cioè che da Via Po 21 non si vuole rispondere alle domande che devono essere poste. E questo, probabilmente, sta allungano i tempi di lavorazione.

          Reply
  15. osservatore interessato · Edit

    Report sta ancora facendo interviste sulla FIM ieri sono andati alla manifestazione di Roma per il contratto non credo che molleranno tanto facilmente

    Reply
  16. Come Trump non molla · Edit

    Crudelia e’ dal 2002 a Roma ok Segreteria Confederale. 18 anni e ancora non se ne va? Ormai lei il e il vigile urbano di forlì sono incollati alle poltrone. Sono proprio come Trump, solo che Biden e’ stato subito inibito lo spazio aereo per evitare ritorsioni. Lei e il vigile hanno fatto fuori tutto i possibili concorrenti di livello. Da Santini in poi…
    Chissà perché non escono i dati Inps, Aran, Confcommercio sulla rappresentanza. Scopriremo che la Cisl e’ in molte categorie ormai il terzo sindacato. Hanno distrutto tutto e cacciato i migliori. Non resterà neanche l’argenteria

    Reply
  17. Noi che facciamo gli stipendi · Edit

    Per 6 Novembre ore 22.19 , i migliori chi sarebbero, così per curiosità.
    Dal lato degli iscritti non abbiamo visto passare nessuno degno di nota

    Reply
  18. Sono un delegato della Fim di un grande gruppo industriale della Toscana, avere un segr regionale che scrive su facebook che il 2020 ha portato via due dittatori Trump e il secondo allude a Bentivogli e’ inaccettabile. Il ns regionale 3 pomeriggi a settimane e’ sparito perché fa l’allenatore. In Toscana si dice che Firenze ha gli iscritti gonfiati. Gira un verbale non proprio bello. E parla di dittatore? lui e’ uno zerbino della Segretaria Cisl che per anni e’ andata qui in toscana a cercare chiunque avesse qualcosa da ridire su bentivogli. Segue il Pignone dove siamo terzi solo a Firenze. Magari Bentivogli si fosse comportato da dittatore, uno scansafatiche così non avrebbe neanche fatto l’iscritto. Purtroppo ne avevamo uno bravo a Siena che doveva fare il regionale ma Beccastrini ha fatto in modo che andasse alla Femca. La gente dorme quando fa le assemblee, sarà preparato di Calcio ma il sindacato non e’ proprio il suo.

    Reply
    1. La peggiore segreteria FIM in questo momento si trova in Puglia: stipendi alti, zero sindacato e collateralismo sfacciato con le aziende (e pessimi risultati tra i lavoratori).
      Cosa aspetta la segreteria nazionale a commissariarla?

      Reply
  19. Ho avuto modo di conoscere bene i toscani, loro dicono che sarebbero contenti che Report , o chissà una trasmissione di risposta a Report vada a sentirli.
    Dicono che hanno da mostrare documenti ,foto ( molte ) e altro materiale davvero interessante ….

    Reply
  20. Le foto dell'allenatore ? · Edit

    Mi sa che le foto dell allenatore le hanno un po’ tutti. Anche quelle del quadro c che manca di un operatore confederale.

    Reply

Rispondi a Lo stesso Avvocato Annulla risposta