Nuove restrizioni per i commenti sul blog

In cinque anni e mezzo di vita, lo spazio dei commenti di questo blog non era mai stato così frequentato come in questi giorni in cui Via Po 21 ha sostanzialmente commissariato la Fim sostituendo un segretario generale sgradito con un bravo operatore confederale organico al gruppo di sessanta-settantenni che controllano l’organizzazione.

Purtroppo all’aumento della partecipazione si accompagna anche un certo qual scadimento della qualità media degli interventi, che non avevamo registrato nella stessa misura in nessuna delle altre occasioni di maggior polemica. Il che mette a dura prova il sistema che abbiamo scelto dall’inizio, quello della assoluta libertà di parola con pochissime restrizioni, e la più ampia facoltà di esprimersi in modo anonimo, con uno pseudonimo o con nome e cognome. Quello di non ammettere l’insulto ma di apprezzare la polemica e al limite l’invettiva. Quello di scegliere, nel dubbio, un po’ troppa libertà di espressione piuttosto che un eccesso di rigore.

Siccome qualcuno/a sta trascendendo, d’ora in poi dovremo essere più severi. E ci riserviamo di non pubblicare quei commenti che giudicheremo opportuno non pubblicare. Soprattutto se valuteremo che certi interventi puntano a provocare inutili risse verbali. A nostro insindacabile giudizio.

Resta ferma invece, nonostante tutti gli inconvenienti, la possibilità di non rivelare l’identità del commentatore. Perché l’anonimato può portare sul blog un po’ di monnezza, e a volte più di un po’, ma resta una risorsa preziosa per chi abbia qualcosa da dire che altrimenti non direbbe.

Condividi il Post

17 Commenti - Scrivi un commento

  1. Giusta decisione · Edit

    Giusta decisione, anche perché a breve rimpiangeremo Annamaria, e poi Gigi. il dossieraggio per incoronare Giorgio Graziani (in Toninelli) e’ già iniziato. Vanno a caccia di chi parla con i giornalisti ma le carte partono tutte dai due palazzi di Via Po’. Insomma incoroni “3 giganti sindacali ” e due di loro con l’altra mano li fai fuori.

    Reply
    1. E cosa c’entra il “pessimo segretario generale” Bentivogli con il fatto che, senza commissariamento formale, a sostituirlo è stato qualcuno mandato dalla confederazione, ottenendo lo stesso effetto di un commissariamento senza doversi nemmeno sporcare le mani a farlo?
      O magari pensi che nelle federazioni allineate a Via Po 21 non ci siano altri pessimi?

      Reply
      1. Condivido l’anonimo delle 19:28. Pessimi sindacalisti sono ovunque e grazie a Bentivogli ne è diventata piena la fim. Benaglia è un bravo sindacalista e non me ne frega niente se era operatore in Cisl. Bentivogli è stata una sciagura e lui e i suoi fedeli sono dei miracolati. Ma che commissariamento! Magari li avessero commissariati!

        Reply
        1. L’ anonimo dell’UNA di notte deve avere tanto veleno in corpo che ruba il mestiere pure ai rapaci notturni per volare sui cadaveri.
          Cosa ti avrà fatto di tanto grave Bentivogli che disturba i tuoi sogni fino agli incubi. Una domanda: mi sai dire una ragione per il commissariamento della Fim? Persino il boia ha avuto incertezze ma tu appartieni al gregge dei Sanculotti che godono solo nel vedere scorrere il sangue. Stai tranquillo e se ci riesci pure sereno. Ma sappi che pure te così accecato Bentivogli come Cesare è stato ucciso da Bruto e Ferrucci dal calabrese Maramaldo. Da Torino a Padova, da ForlìRavenna a ReggioCalabria il gelo dell’invidia e della delazione ha seccato l’unica pianta ancora viva in CISL. Vedremo i frutti dei liberatori ma non ci aspettiamo nulla di buono visto che gli alabardieri sono tutti mascherati e affollano l’antinferno dantesco,quello di coloro che “Non furo mai vivi”.

          Reply
  2. Se a un mese dalle dimissioni tutta questa invidia... · Edit

    Quelli che scrivono su Bentivogli sono operatori confederali che non mostrano neanche il loro quadro C.

    Reply
  3. aziende abusano Cig. Solo le aziende? · Edit

    Finalmente perseguono le aziende che han messo i lavoratori in Cig e li han fatti lavorare. Ma solo le aziende?
    Cgil in particolar modo e un po’ anche la Cisl sono a posto su questo?

    Reply
  4. Di cig se ne sta facendo uso anche nel feudo genovese della Signora Casa di Vetro . Operatori posti in cig, pagati dall’ente statale e che lavorano da casa. Furbate di sindacalisti da prima, seconda e terza repubblica. Questa è la trasparenza del nuovo corso. Robba da codice penale.

    Reply

Commenti