Anche per oggi niente

Per oggi niente testimonianza, né carabinieri.

Nonostante che l’udienza di oggi al Tribunale di Napoli fosse stata fissata appositamente in un giorno nel quale la signora Anna Maria aveva garantito, tramite i suoi avvocati, la propria presenza, e nonostante l’avvertimento della possibilità dell’accompagnamento coatto se non lo avesse fatto, successivamente la sua convocazione per oggi non c’era stata, per motivi che al momento non conosciamo. Quindi, per oggi non si è dovuta sottoporre, sotto il vincolo della dichiarazione di impegno a dire la verità, alle domande del pubblico ministero e degli avvocati delle parti.

Tutto secondo la legge, ma sta di fatto che non rispondere rimane la cosa che lei preferisce. E ancora una volte le è riuscito.

Come quando correva per le vie di Roma inseguita da Nadia Toffa che le chiedeva “Perché avete cacciato Fausto Scandola?”

 

Condividi il Post

11 Commenti - Scrivi un commento

  1. Quello che a me fa molto male, il totale silenzio… Oramai assordante in CISL. Minacce e repressioni e ricatti sono oramai unica firme di gestione.

    Reply
  2. La Cisl salvo miracoli e’ ormai morta. E’ una fabbrica di pratiche governata da una cupola di gente piatta se non addirittura incompetente dove la democrazia interna e’ ormai solo un pallido ricordo. Amen

    Reply
  3. La CISL è diventata una organizzazione di quelle che elimina chi ha un pensiero, una idea, un modello… tutto ciò che contrasta il sovranismo e la sudditanza.
    Purtroppo è una organizzazione fatta da “grandi” e gestita da “piccoli” che antepongono il loro “essere” con i valori di questa organizzazione.
    Servirebbe una bella epurazione… ma al contrario.
    Essere persona tra le persone e non faraone tra gli dei.

    Reply
  4. IL QUADRO C TAROCCATO · Edit

    Il segretario generale della Cisl diceva che chi non pubblica il Quadro C decade automaticamente.
    Avete notizie del quadro c dei dirgenti Flaei?
    E come mai la stessa Cisl non mette tutti i redditi?
    E perche’ non vale per i presidenti degli Enti???

    Reply
  5. Quale miglior epurazione che quella effettuata dagli iscritti con le loro cancellazioni? Bisogna far capire loro quello che è diventata la Cisl, non nascondere loro le porcherie che, un po’ a tutti i livelli, stanno accadendo e che l’hanno trasformata da sindacato democratico, dove sono i lavoratori a decidere dal basso, nel suo esatto contrario, dove o la pensi come chi comanda o vieni espulso, radiato o se ti va bene solo commissariato. Devono essere loro a decidere se gli sta bene questo schifo o se preferiscono iscriversi ad un sindacato dove la loro volontà ancora può contare. Nel primo caso contenti tutti (e stiamocene anche zitti perché vuol dire che queste cose oggi non sono più sentite), nel secondo si sgonfierà comunque tutto e la classe dirigente si ritroverà a discutere del nulla, a provare a chiudere la stalla dopo che i buoi sono scappati.

    Reply
    1. Questo sito, spesso cita Scandola uomo coraggioso che però diceva: non dimettetevi dal sindacato (quindi dalla CISL) ma lottate all’interno. Dimettersi significa lasciare spazio libero agli altri e farge un favore ai potenti perché avranno meno critici e meno fastidi. Le cancellazioni degli iscritti forse avvengono, ma non in numero consistente, tenendo conto che derivano quasi tutte non da motivazioni ideali ma dall’uso dei servizi (inas, caf etc,).Per gli altri sindacati: se speriamo di trovarne uno che rispetta le regole……. aspetteremo a lungo. In conclusione secondo me è meglio stare dentro, per quanto possibile.

      Reply
    2. tu, secondo me, ERI “classe dirigente”…quella malata…altrimenti come fai a dire le cose che scrivi….auspicare che gli iscritti si tolgano…inconcepibile e dirigenticentrico…

      Reply
  6. Tre di cui parlare ogni giorno come di un virus. Tre ipocriti della “pratica” Stipendio/pensione di Bonanni :
    a) il romagnolo “Peter Pan” trappolaro traditore dello stesso, b) l’altro…’o professore (onorato da Bonanni come il vitello d’oro) che è meglio un morto in casa…c) pensione d’oro medico cerusico addetto alla castrazione dei cinghiali.
    Tutti azionisti delle vigne grossetane del “murator” Cerrito, tuttora a libro paga della Megera che li tiene tutti in pugno come Circe coi porcellini.
    Ragazzini…Bonfanti…Raineri, Biffi, mai un sussulto di dignità ? Fino a quando davanti a Dio potrete nascondere le vostre responsabilità che agli uomini fate credere fertilizzante e invece è soltanto letame ?

    Reply

Rispondi a Anomimo deluso Annulla risposta