Campo scuola giovani

@FurlanAnnamaria dal Campo scuola giovani Cisl di #Fiuggi: deve partire dai #giovani questa voglia di protagonismo per cambiare il futuro, altrimenti la speranza di miglioramento è davvero poca!

la svolta di Fiuggi

Così twitta Via Po 21, per far sapere al mondo che la signora Anna Maria è andata a recitare le sue tiritere al campo scuola dei govani della Cisl.

Guardando la foto twittata, le facce su quel palco e l’età media dei protagonisti, ed a leggere quel che ha detto la signra, ci viene in mente quel che direbbe “Quelo”:

“la seconda che hai detto: c’è poca speranza!”

 

Condividi il Post

17 Commenti - Scrivi un commento

  1. Ormai è una farsa sta Cisl.
    Invece mi piacerebbe sapere se la signora Furlan, che sostiene la Cisl sia un sindacato autonomo e fedele ai valori ispirati al cattolicesimo, abbia una posizione su quanto affermato dalla consulta e che sarà conseguentemente legiferato sul fine vita e relativa richiesta di libertà di coscienza da parte di migliaia di medici. Parlare di autonomia dalla politica penso non abbia più senso in quanto la Cisl ha lo 0% di considerazione dal mondo politico ed incidenza oggi sulle scelte politiche a tutti i livelli. Invece avrebbe senso parlare di autonomia dalla Cgil perché è chiara la loro posizione su tale questione etica, già non molti anni fa avevano denunciato alla corte di Strasburgo i medici obiettori sull’ aborto… Ma la nostra Super Segretaria sarà coerente con quanto afferma a più riprese uscendo allo scoperto con una posizione Cisl, oppure più probabilmente assumerà una posizione pilatesca tanto da confermare quello che si è dimostrata in tutta la sua “brillante ” carriera sindacale?
    Immagino la solita intervista sull’ Avvenire in cui affermera’ che il Parlamento dovrà assumersi la responsabilità di legiferare sintetizzando le varie sensibilità… o qualcosa di simile.

    Reply
    1. il cambiamento non avviene solo con i giovani , avviene anche con chi ha da anni la tessera sindacale o crede nel sindacato , parlare di chiarezza , correttezza , trasparenza , onestà ai convegni o nei congressi non basta , alle parole devono seguire i fatti ! Si faccia chiarezza sugli Enti Bilaterali ! Ricordandosi che le Aziende artigiane non sono dei Bancomat !

      Reply
  2. Abbiate pietà di questi molto anziani e mandateli a godersi gli affetti familiari.
    Valorizzate i giovani e i meno anziani; ce ne sono, ma vengono marginalizzati o esclusi da questi ‘ tardoni ‘ inchiodati alle loro ‘ laute ‘ poltrone.

    Reply
  3. La signora Circe a Fiuggi! Faccio appello a Greta e ai tanti ragazzi gretini: da domani sfilate in via Po…al 21 c’è un inquinamento irrespirabile. Guardate la foto di Fiuggi: quattro cariatidi che parlano, osservano e ammoniscono i giovani che non si vedono. Sapete perchè ? Non c’erano. c’erano le loro ombre. Del resto…Il secondo da sinistra è il prof tutto sape Scrima o è il fratello gemello di Scalfari ? E il baldanzoso Graziani che imperversò in Romagna fino agli intrighi piacentini e parmensi non sembra più lui…sembra il nonno. Cari ragazzi del corso Cisl, fatevi dare tra le dispense i curriculum di quelli che avete di fronte e conservate le foto segnaletiche.

    Reply
  4. Tutti pronti per posto e soldi dai pensionati che ne hanno tanti tanti
    Evviva i giovani vecchi amici della strega
    Sono pietosi povera cisl

    Reply
  5. https://www.avvenire.it/attualita/pagine/suicidio-di-stato-disabili-a-rischio-daita

    Sorprendente la posizione Cgil sul fine vita, addirittura rilasciando un’intervista su l’avvenire. Silenzio assordante invece da parte della Cisl… sarà impegnata in altre faccende…
    Comunque la Cgil ci ha sorpassato pure nel buon senso.
    Complimenti signora Furlan, l’aver appiattito la Cisl su un sistema fondato sul modernismo ne ha svuotato valori e contenuti.

    Reply
  6. Dall’ articolo si evince che le dichiarazioni della signora Daita si differenziano dalla posizione della Cgil che rappresenta e questo le fa onore. Anzi quanto lei asserisce dovrebbe rappresentare la posizione ufficiale della Cisl su tale questione, cosa che non c’è e che sarebbe necessario in un momento storico di smarrimento della politica e delle istituzioni dei paesi occidentali. Ma probabilmente la Cisl è impegnata a guardare il proprio ombelico dimenticando le questioni vitali ed essenziali.

    Reply
  7. https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/lottare-per-la-vita-non-cedere-al-cinismo
    La signora Annamaria non si è fatta attendere, probabilmente le ha dato fastidio l’uscita su l’avvenire della collega cgiellina. La lettera non fa una grinza tranne che un particolare : la segretaria sostiene che la Cisl è saldamente legata ai valori cattolici ma nel contempo laicista ed impossibilitata a prendere posizioni che non siano personali al fine di rispettare il pensiero degli iscritti sui temi di bioetica. Ma allora qual’è la posizione della Cisl se da una parte è legata ai valori cattolici e dall’ altra a qualsiasi sensazione personale? O è l’una o l’altra. Si si o no no.
    Ad ogni modo è molto più apprezzabile la dichiarazione della segretaria Daita, probabilmente non legata ai valori cattolici anche se il ragionamento è identico, ma proprio per questo schietta e sincera al contrario della nostra.

    Reply
  8. il cambiamento non avviene solo con i giovani , avviene anche con chi ha da anni la tessera sindacale o crede nel sindacato , parlare di chiarezza , correttezza , trasparenza , onestà ai convegni o nei congressi non basta , alle parole devono seguire i fatti ! Si faccia chiarezza sugli Enti Bilaterali ! Ricordandosi che le Aziende artigiane non sono dei Bancomat !

    Reply
  9. l’uso e abuso scorretto degli RLST da parte del sindacato è vergognoso e inaccettabile , gli RLST a nomina sindacale vengono retribuiti dall’Ente Bilaterale per verificare e controllare che nelle aziende artigiane tutte le norme e dispositivi in tema di sicurezza negli ambienti di lavoro vengano applicati. il DLGS 81/08 art.48 comma 8 recita testualmente ” l’esercizio delle funzioni di Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale è incompatibile con l’esercizio di altre funzioni sindacali operative “, in violazione al suddetto decreto , il sindacato da anni fa uso degli RLST per attività sindacale nelle aziende e nei territori, arrivando all’assurdo di avere come in Piemonte un RLST che copre 2 province , e quindi percepisce 2 retribuzioni da parte dell’Ente Bilaterale oltre a svolgere regolarmente l’attività di operatore sindacale .

    Reply
    1. In Piemonte è tutto marcio. Ricordiamoci che è stato il terreno di prova di Giovannona Ventura. Ha iniziato a seminare le sue arti malefiche fin da quando era una delegata del Comune di Torino. Ha calpestato tutto e tutti e ha allevato un covo di serpi che la odiano ma scimmiottano le sue malefatte.
      Ci propinava la sua amica Circe delle poste ad ogni corso di formazione per fidelizzare e creare i proseliti.
      Uno schifo inaudito.
      È un covo di serpi velenose, privo di scrupoli e di valori che si fa le scarpe ad ogni occasione.
      Buoni solo a spendere i soldi delle poche tessere rimaste.
      Venite a fare un giro in Piemonte per constatare la desolazione e il putridume.

      Reply
      1. Ragazzi non esagerate. Lo dico a quelli che lamentano le schifezze in Piemonte: Torino-Cuneo- Novara… No, cari! Molte fetenzie sono state scaricate a Roma secondo tradizione risorgimentale di Casa Savoia: in via Po e dintorni la nonna del Corsaro nero e in via Tevere il falsario di carte in processo che se l’acqua non costasse troppo…

        Reply
  10. Non condivido, riguardo gli Rlst, vengono proposti dalla categoria ,ma è a Torino in sede regionale che viene concesso o negato il ruolo, come per essere più espliciti! CGIL e UIL hanno un operatore Rlst per provincia , la CISL ha gli Rlst che operano in due province. La conseguenza è che agli Rlst di CGIL e UIL viene pagata una mensilità, a quelli della CISL che coprono 2 province me vengono pagate due , ma l’operatore percepisce una mensilità, l’altra chi la percepisce ?

    Reply

Commenti