Piatto freddo per la signora

Lo scambio epistolare con Marcolino Bentivogli, minacciato di sanzioni per aver detto che nella Cisl c’è anche qualcuno che fa il tifo contro chi salva i migranti in mare, conferma che alla signora Anna Maria piace la vendetta. Un piatto che notoriamente va servito freddo.

Marcolino era stato fra coloro che nel gennaio 2017 votarono contro il commissariamento della Fp; e quel giorno mancarono solo quattro o cinque voti per respingere la proposta di commissariamento, e affondare così la segreteria Furlan. E invece affondarono quelli che avevano osato sfidare la signora.

Fino a poco tempo fa, però, il segretario generale della Fim sembrava inattaccabile. Perché la sua federazione non era un boccono facile da ingoiare come era stata la Fai dopo lo schiaffo dell’Ergife, e perché il suo segretario è il dirigente della Cisl più conosciuto, e complessivamente apprezzato a torto o a ragione, dall’opinione pubblica. Una circostanza, però, che per la signora è come un foruncolo spuntato in un posto scomodo, un fastidio da togliersi. Ma con la dovuta calma e a freddo.

La guerra contro Marcolino, forse non tutti se ne accorsero, la aprì il dottor Sbarra dell’Anas già al congresso della Cisl di due anni fa, quando puntò l’indice minaccioso contro quelli che criticano e autocriticano invece di battere le mani a chi guida la confederazione. Più di recente è stato Giorgio Graziani ad andare alla conferenza della Fim a cercare lo scontro. Subito dopo è arrivata Nora Garofalo a minacciare iniziative giudiziarie per le cose dette sul mancato accorpamento Fim-Femca. E ora è la signora stessa a scrivere a Marcolino una lettera di contestazione disciplinare che preannuncia provvedimenti.

Ora siamo probabilmente alla resa dei conti: e la signora si rivolge a Marcolino, che gli scrive “cara Annamaria”, omettendo l’aggettivo “caro”, proprio come nel Pci degli anni dello stalinismo si ometteva l’aggettivo “compagno” contro i dissidenti da espellere dal corpo del Partito.

Quanto all’oggetto del contrasto, il fatto cioè che il segretario della Fim sia chiamato dal segretario generale della Cisl ad esibire le prove del fatto che alcuni segretari territoriali avrebbero pubblicato commenti razzisti e xenofobi contro gli immigrati che muoiono in mare, ci permettiamo di osservare che la posizione espressa da Via Po 21 sul problema è in generale piuttosto anodina, al di là di qualche tweet in cui si battono genericamente le mani al papa. Il che non basta perché al papa non tocca criticare o apprezzare il governo su questa o quella decisione, ma ad una confederazione sindacale sì.

E comunque si tratta dello stesso papa che due anni fa disse alla Cisl in udienza che le pensioni d’oro non vanno bene; eppure il segretario generale dei pensionati di questa Cisl è ancora Gigi “pensione d’oro” Bonfanti, azionista di riferimento della segreteria Furlan.

Come dire, si battono le mani al papa che parla e poi si continua a fare tutto il contrario. Sulle pensioni d’oro e forse, nel caso di qualche dirigente locale, anche sui migranti che affogano nel Mediterraneo.

Condividi il Post

13 Commenti - Scrivi un commento

  1. Caro marcolino lo sai che la femca è diventata socia di aletheia broker spa?
    Se si perché loro si e tu no?
    Lo sai che il Romani uomo dellr promesse di soldi x la cisl ha dichiarato dei falsi e potrebbe essere indagato per aver tentata (una truffa) nei confronti dek veri proprietari di un locale che lui ha dichiarato al comune come di sua proprietà?
    Hai capito marcolino perché è stato chiamato dalla difesa di zonin sji quel zonin che tu da veneto conosci bene, con il suo mutuo di favore e le relative coperture ecco la baciata al romani!
    E tutta la vicenda aletheia, perché nkn attacchi? Perché non chiedi conto.
    Se sapessi la sua mail gli scriverei.

    Reply
  2. Riusciremo ad avere la sbobinatura dell’intervento di Graziani all’assemblea FIM???? Il linguaggio salviniano del personaggio è fatto apposta per tirare gli schiaffi da mano dalle persone di buon senso, ed è chiaro che se si cercava la provocazione è stata inviata la persona giusta.

    Reply
  3. E ci risiamo con la kermesse! Ecco dal sito della Cisl, nella presentazione della Conferenza Organizzativa. “Nel corso della kermesse saranno premiati anche i vincitori del Premio Flavio Cocanari e del premio alla memoria di Pierre Carniti.”
    Come sono stati scelti i vincitori da premiare nella kermesse, con giuria o con televoto, come Sanremo ed X Factor?
    per chi non ricorda la vicenda precedente della kermesse guardare qui http://www.il9marzo.it/?p=11424

    Reply
  4. Ho letto che Salvini convocherà il sindacato e quindi anche la CISL. Non so con quale competenza, visto che in genere il sindacato si incontra, storicamente, di più con il presidente del Consiglio, con i ministri del lavoro o dell’industria o dello sviluppo economico. Ma tant’è, ormai il ministero dell’interno è una sorta di polpo tentacolare che mette i suoi viscidi tentacoli su tutto, con il beneplacito servile dei 5 stelle. Mi auguro che, prima di entrare nel merito di qualsiasi discussione, il sindacato e la CISL in testa, contesti in maniera inequivocabile le politiche per l’immigrazione, adottate da questo Governo, sempre che alle dichiarazioni sulla stampa dei segretari generali confederali, sottostiano reali principi e valori. Tutto ciò anche a rischio di mettere in discussione l’eventuale buon ( ma al massimo si costituirà qualche altro tavolo inutile) risultato dell’incontro, Altrimenti il richiamo ai valori espressi dal Papa e le dichiarazioni di principio suonerebbero false e puramente accademiche ed in ogni caso, immolate sulla real politik. Staremo a vedere.

    Reply
  5. http://www.labortv.it/component/hwdvideoshare/viewvideo/4809/avvenimenti/conferenza-nazionale-organizzativa-cisl-intervento-di-giorgio-graziani-segretario-confederale-cisl.html

    Basta ascoltare l’intervento all’assemblea del segretario organizzativo per rendersi conto da che personaggi di scarso livello e da che piattezza é composta la classe dirigente della Cisl. E la lisciata della Segretaria alla fine del proprio intervento fa presupporre che il Graziani possa essere il prossimo segretario aggiunto dell’era Sbarra.
    Davvero una tristezza.

    Reply
  6. Meglio era se il Graziani avesse detto di sentirsi onorato di rappresentare gli iscritti e non di far parte di questo gruppo dirigente, ma ahimè questo è quanto passa il convento. La parola d’ordine era “facciamo quadrato ” . Evviva l’autoreferenzialita’… tutto il resto è marginale.
    Era meglio il Ciccio Graziani nazionale, almeno lui qualche gol lo faceva

    Reply
  7. Fra diavolo piemontese · Edit

    Si tutto vero. Se quei 4 o 5 voti non avessero seguito il tempo del Medioevo forse il corso della storia sarebbe stato diverso. Ma con i se e con i forse non si fa il futuro. Io auguro che volino stracci come si suol dire, che ci sia un moto di ribellione vera e una rivoluzione non pacifica come dovrebbe accadere in tutte le associazioni senza freni inibitori e senza se e senza ma. Non che la cosa possa mutare le sorti del sindacato, ma almeno si possa rispondere al quesito del futuro. Il sindacato serve per distribuire attività e servizi e assicurazioni o per tutelate i lavoratori?. Ad esclusione della fim che sta sul pezzo tutto l’apparato nemmeno sa cosa accade nel mondo del lavoro e si produce in iniziative missionarie e inaugurazioni di sedi per evitare di generare persone che rappresentino altre persone. Prima viene la fine di questo corso meglio sarà per tutto il mondo del lavoro.

    Reply
  8. Se l’anonimo del 6 luglio ore 17.34 avesse ragione riguardo a Bentivogli la Fim che lui descrive sarebbe talmente omogenea alla Cisl di Furlan e Sbarra che potremmo dire: in tempi di colera l’ infezione dilaga. Per fortuna non è così: la Fim di Bentivogli è una delle poche cose pulite che ci sono in questa Cisl dei collusi & congiurati. Dall’evidente risentimento e perfino dall’odio che trapela dagli scritti di alcuni pare di poter dire che come nell’antica Grecia le sentenze capitali vengono sempre precedute dai sicofanti e concluse dai necrofori. Alcuni non ci dormono la notte nell’aspettare la loro alba radiosa. Dal Polesine alla Sicilia abbondano i pescatori di frodo. Con tutti questi scrollatori chi raccoglierà le pere?

    Reply
    1. ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahaha
      una delle poche cose pulite…ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahaha
      ..i troll anche qui.. ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahaha

      Reply
      1. L’ anonimo di oggi 11.58 ha espresso alto il suo…pensiero. Come tanti altri in questa Cisl farebbe parte a pieno titolo dei musicanti di Brema.
        Sicofante o necroforo che tu sia, avrai molti onori e carriera e lauti stipendi in questa congrega. Senza neppure l’obbligo di metterli in rete. Ma attento : ridere in modo così sguaiato ti fa somigliare alla tua padrona iena ridens e alla scimmietta del circo. E comunque se hai da segnalare qualcosa di losco nella gestione economica e politica della Fim puoi farlo anche nascondendoti dietro il cappuccio nero dei delatori secondo l’antico adagio che dovrebbe esserti familiare “calunniate…calunniate… qualcosa resterà”.

        Reply
        1. Quando uno non sa di cosa parla. Che tristezza. Anonimo delle 16:18 non servono cappucci. Quando il dito indica la luna lo stolto guarda il dito. L’anonimo delle 11:58 ha risposto nell’unico modo possibile.
          Siamo in tanti vecchi iscritti che non riconosciamo più questo sindacato né la federazione. I giochi sono fatti.

          Reply
          1. L’anonimo del 10 luglio ore notturne 23.39 è la rappresentazione biodegradabile della ipocrisia che oggi è cultura prevalente in Cisl da quando comandò Marini e suoi sodali siculo abruzzesi. È la grande e rara capacità di equilibrio tra due sponde che consente persino ai muli di rinnovare la specie.

            Reply

Commenti