Decisioni importanti nella Uil

In queste settimane la Uil ha preso due decisioni importanti: ha eletto un segretario generale aggiunto ed ha lasciato cadere il processo per appropriazione indebita contro il segretario generale in carica.

Le due notizie riguardano entrambre Carmelo Barbagallo. Con la nomina di un segretario generale aggiunto, si fa strada la possibilità che, prima o poi, Barbagallo rinunci ad essere proclamato segretario generale in eterno, ed accetti di passare la mano, quando che sia, a qualcun altro.

Quanto alla vicenda processuale che lo ha riguardato, di certo si sa che il Tribunale di Roma ha dichiarato il “non luogo a procedere” perché, per quanto è dato di capire dall’articolo del Fatto quotidiano, a seguito di una riforma legislativa approvata un anno fa, il processo già aperto non poteva proseguire se la parte danneggiata, cioè la Uil, non avesse sporto una querela. Il giudice aveva quindi sospeso il processo, per vedere se entro il termine assegnato la querela fosse arrivata; scaduto il termine senza che fosse successo niente, il processo a Barbagallo (e Angeletti) si è concluso nel nulla.

Anche l’era Barbagallo alla guida della Uil, a quanto pare, si concluderà, stando a quel che è stato deciso in questi giorni. Ma per quella c’è meno fretta (oggi Enrico Marro nel suo Diario sindacale sul Corriere Economia parla di “qualche anno”).

A meno che nella Uil non accada ciò che è successo nella Cisl nel 2014; quando l’elezione di un segretario generale aggiunto, o meglio aggiunta, invece di calmare le acque come pensava l’anziano segretario generale che aspirava ad essere leader in eterno, provocò un’ulteriore escalation di pressioni.

E di lettere anonime.

 

Condividi il Post

Un Commento - Scrivi un commento

  1. UIL : ma non è una cosa seria !
    Barbagallo e Angeletti possono dormire sonni tranquilli. In quella associazione non si accende il ventilatore. Quella è gente che sa come si vive
    in questo mondo. In via Lucullo non c’è la casa di vetro.
    Una volta si definivano pragmatici socialisti repubblicani e socialdemocratici ma furono sempre grandi furbacchioni. Nacquero come diaframma tra Cisl e Cgil. Poi sono cresciuti cooptando molti di quelli che la Cisl allontanò perchè donne e uomini liberi dai tempi di Dantoni fino ad oggi.
    Farne l’elenco sarebbe come visitare il Cimitero degli eroi.

    Reply

Commenti