Ci sono un reggente, un subreggente e un comitato di reggenza…

… e non è l’inizio di una barzelletta. Si tratta invece della decisione presa dalla segreteria della Fai dopo che Onofrio Rota è andato a Latina per prendere in pugno la situazione dopo l’arresto del segretario della federazione nell’ambito di un’indagine per caporalato.

Del reggente, basta ricordare il profilo biografico: iscrittosi giovanissimo al consiglio generale della Cisl, è presidente dell’Anolf a vita, ed è un esperto di problemi del lavoro, nel senso che lui il problema lo risolve facendo lavorare gli altri.

Il comitato di reggenza è invece un’invenzione che non esiste nello statuto, ma serve ad esautorare il direttivo eletto dagli iscritti.

Ma la cosa più interessante è il subreggente, che poi è l’incarico più importante perché è la persona chiamata a stare sul territorio per conto del reggente (sempre bravo a far lavorare gli altri). Forse per omaggio all’immigrazione dal Veneto dopo le bonifiche dell’agro pontino, è stato scelto un corregionale di Onofrio Rota. Di più, si tratta dell’ex segretario della Fim di Padova Rovigo che, all’esito delle ispezioni, doveva essere commissariato per le numerose irregolarità riscontrate. Una vicenda di cui ci siamo già occupati a suo tempo, pubblicando alcuni documenti interessanti, così come se ne era occupata la stampa locale. Solo che nella “casa di vetro”, i commissariamenti si fanno solo per colpire i nemici, e in questo caso Geron aveva amici importanti. E alla Fim di Padova e Rovigo non ci fu commissariamento, né reggenza, mentre Geron venne riprotetto sulla Fai.

Se questa è la risposta della Fai alla situazione creata con la vicenda di Latina, allora il rischio che questa storia diventi una barzelletta c’è tutto. Tranne che per chi lavora nei campi e per chi sta in galera.

Condividi il Post

8 Commenti - Scrivi un commento

    1. .più di tremila euro nett i???Strano ho fatto, letteralmente fatto gli stipendi di geron e …no non erano tremila euro di stipendio. Proprio no quindi qualcuno bara e diffama.

      Reply
  1. Avanti così e la CISL finirà come recita un vecchio modo di dire paesano ovvero:
    con “16 bandisti e 18 capobanda”.
    Per evitare malintesi o doppi sensi preciso che per bandisti s’intendono i musici delle bande musicali e per capibanda i direttori.

    Reply
  2. Un extracomunitario reggente per salvare la faccia dallo sfruttamento di immigrati. Anche questa è una sfaccettatura del fenomeno razzismo….

    Reply
  3. Per il poveretto, e i suoi compagni di sventura, Auguriamoci che per i giudici contino i fatti e non le apparenze come si uol far credere con simile furbate da venditori di aspirapolvere.

    Reply
  4. Reggente Sady per il colore della pella oppure per essere stato protagonista della 199? Mi risultano strane entrambe le cose! La prima non rappresenta nulla per l’immigrazione è per gli immigrati, anche perché lui non ha patito le pene della povera gente che viaggia sui gommoni in cerca di libertà, la seconda, fatevelo dire da uno come me…, non la vissuta per nulla, altri della Fai sono stati i veri protagonisti!!! Quindi anche questa reggenza potremmo definirla di controllo e null’altro. Mi chiedo anche come mai non è stata affidata al signor Risso, commissario uscente di Latina, colui il quale si è inventato il Vaccaro? Misteri che risolverà il tempo e non l’attuale dirigenza della casa di vetro sempre più sporca!!!

    Reply
  5. Partiamo dal presupposto che essere sensibili sul tema immigrazione non vuol dire per forza che si debba venire con il barcone … già questo e’ Razzismo strisciante . Comunque confermo assolutamente quanto detto nell’articolo sopra . Un saluto a tutti da un giovane

    Reply

Commenti