Giulio secondo diventa Giulio ottavo?

Il Consiglio generale della Cisl è convocato per il 20 dicembre. E non per l’annosa questione “panettone o pandoro?”, e neppure per discutere su “presepe, albero o tutti e due”. All’ordine del giorno c’è l’articolo 8 dello statuto. Ossia l’elezione di uno o più segretari confederali.

Anche se non è bello rivelare l’età delle signore, è noto a tutti che Giovannona Ventura deve lasciare il posto per raggiunti limiti di età. E che il suo posto è prenotato da tempo dal signor Graziani. Che non il campione del mondo del 1982, ma solo un omonimo (e anche un po’ anonimo).

Con Graziani in formazione al posto di Ventura (non l’allenatore che ha portato l’Italia a non partecipare ai mondiali, solo un’anonima con la stessa natura vincente), la squadra sarebbe al completo.

Solo che pare che Biancaneve potrebbe far ripristinare il numero canonico dei sette nanetti. Ovvero, potrebbe riportare il totale della segreteria ad otto. Ed il prescelto per il posto da aggiungere sarebbe Giulio Romani. Che con la sua attività nel business delle assicurazioni si è assicurato un posto nel cuore della signora Anna Maria “lacislèunacasadivetro” Furlan (quando ci sono di mezzo i soldi. la signora dimostra sempre di avere il cuore tenero).

In questo modo, la sua uscita dalla First non sarebbe una cacciata a seguito del fallimento della sua strategia di campagna acquisti per fare della federazione la prima del settore, ma una promozione. Da secondo a ottavo, ma pur sempre una progressione in carriera, con tanto di adeguamento stipendiale. In attesa, magari, di essere piazzato in qualche incarico ben retribuito nel giro di pochi anni, come successo ai Bernava, ai Luciano e ad altre meteore di segretari confederali, che hanno fatto appena in tempo a sfare i bagagli a Via Po 21 che sono subito passati a guadagnare ancor di più in qualche altro posto.

Resta da vedere se tutto andrà liscio: resistenze da parte della First non ce ne saranno, ma qualcun altro/a potrebbe ben dire “perché lui e non io?”.

Già, perché la Cisl ha bisogno proprio di un personaggio come questo?

Condividi il Post

12 Commenti - Scrivi un commento

  1. La signora quando era nella Segreteria del suo predecessore aveva le deleghe compartimento bancario assicurativo. È evidente che il signor Giulio sia una sua creatura… E la signora è sempre stata generosa con i suoi lacchè.

    Reply
  2. Oramai esistono solo per questi miserandi giochi di poter PER INTERESSI ESCLUSIVAMENTE PERSONALI; il mondo è stato rivoltato come un calzino e loro DOV’ERANO ? SCUSATE LA VOLGARITA’ MA VI SEMBRA PLAUSIBILE CHE, GLI HANNO TOLTO LA SEDIA SOTTO AL XXXX E NEANCHE SE NE SONO ACCORTI?
    TANTO IMBECILLI CONSIDERANO I LAVORATORI, DA NON CAPIRE CHE SONO STATI VENDUTI AI PADRONI PROPRIO DA CHI AVVREBBE DOVUTO DIFENDERLI?

    Reply
  3. E chi è il delfino di Giulio II? Chi del circolo magico che per anni ha riso, sorriso ed assentito con entusiasmo misto a deferenza ad ogni sua scompiscevole battuta o illuminante asserzione? Forse non le poche donne (due?) rimaste a corte (il Misogino adora far fuori le donne…), forse non il Delfino vero (non all’altezza), tantomeno i Poveri Direcreti (poveri si fa per dire, vista la dote …)…verrà premiato qualche lacchè dotato di un minimo di comprendonio???

    Reply
  4. Scusate ma io vedo solo un attacco politico di chi rosica per non essere LUI il prescelto. Accuse che si basano sul nulla, laddove è normale che chiunque sia chiamato a fare delle scelte riguardo alla sua successione farà sulla base sia del rapporto di fiducia, sia sul fatto che il PRESCELTO sia quello che (in teoria, perché poi questo non accadrà mai

    Reply
  5. Lettore da tempo · Edit

    Lasciatelo andare in alto tra poco le cose vere lo faranno cadere e più in alto sarà e peggiore sarà la caduta
    È questione di poco e i suoi armadi di apriranno

    Reply
  6. Non si tratta di chi rosica perché non è stato prescelto… troppo comodo e troppo facile liquidare così una questione grave che riguarda il degrado della ex Fiba, e della Cisl tutta, dei suoi uomini e donne ai vertici e di chi al seguito fa ormai solo i propri interessi. Chi parla non “rosica” perché non può ambire ad alcunché.. ma conosce fatti e persone. .. come dire .. inquietant,i per non dire di peggio.

    Reply
  7. Lettore da tempo · Edit

    Caro amico anonimo delle 2.36 mi viene una domanda ma hai letto tutti gli articoli su romani e la fine first?
    Ti sembrano comportamenti corretti coerenti al buon senso buon padre di famiglia statuto e codice etico:
    Farsi dare un mutuo molto favorevole?
    Andare a San Siro zona vip più volte con biglietti gratuiti x lui è famigliari avuti da amici di una azienda?
    Essersi pagato il compleanno e resto in montagna x sé e una ventina di amici tra cui il suo amico avvocato e moglie con i soldi sindacali?
    Aver fatto in sua presenza un falso al congresso di Trento first?
    Aver commissariato la fiba Bolzano con una serie di falsità?
    Poi tutto il contrasto con codice etico x i vari conflitti con le società aletheia?
    Ce ne sono altre ma mi fermo.
    Se queste sono non notizie gravi come dici allora va bene tutto e capisco perché siamo un paese non credibile.
    A me è penso noi non interessa niente il posto del romani ma ci interessa l’onestà e il rispetto delle regole unica tutela per tutti.
    Forse sei tu che fai parte del cerchio magico
    Nonostante tutto viva l’onestà

    Reply
    1. Mi rendo conto che spssso andare contro corrente non paghi ma se ci si trova in disaccordo con alcune valutazioni occorre dirlo. Cercherò brevemente di esplicitare per punti alcuni aspetti.
      1. È lo statuto della cisl (in vigore da oltre 60 anni) a ritenere non solo legittimo ma anche auspicabile gestire i servizi (compresi quelli assicurativi e previdenziali) attraverso società totalmente partecipate dalle federazioni (e che in quanto tali sono “collaterali”);
      2 la previsione di tali enti consente anche di superare la incompatibilità di segretari nazionali di parteciparvi;
      3 gestire i servizi con bilanci pubblici e visionabili anche da terzi, è trasparenza (sarebbe più semplice e meno “criticato” farsi riconoscere importi provvigionali “oscuri” a vantaggio di qualche privilegiato senza dare nell’occhio;
      4 l’operazione di fusione con dircredito e’ certamente apprezzabile: come tutte le fusioni, esistono problematiche superabili solo con il tempo ed all’esito di Percorsi di avvicinamento. Comunque non vanno certamente avversate per interessi diversi dal proselitismo;
      5 continuare a parlare di aspetti di vita personale è il modo più comodo per chi non affronta la gestione politica e sindacale (che deve essere la base di un confronto democratico); il mutuo – per espressa evidenza della banca intesa – non è stato inferiore al tasso riconosciuto precedentemente alla dipendente (ed ex moglie di romani) che era contitolare del finanziamento. Peraltro la banca è una spa che ha libertà di stabilire le condizioni senza violare norme e regole (anche se in questa situazione, romani avrebbe certamente potuto godere di condizioni di miglior favore dalla banca di provenienza monte dei paschi di Siena);
      6 mi chiedo, infine, se chi continua a presagire gravi notizie personali, non sia interessato da ciò.

      Reply
      1. Una sola precisazione relativa al punto 5: questo blog non ha mai trattato aspetti relativi alla vita personale di nessuno, e i commenti che cercavano di farlo sono stati censurati, totalmente o parzialmente.
        La titolarità di un mutuo, che potrebbe essere un fatto privato, non è più tale quando la persona coinvolta è un rappresentante sindacale del settore. Una persona, peraltro, che ha annunciato una querela contro di noi, che non abbiamo scritto nulla ma solo ripreso quel che ha scritto un quotidiano, senza averci prima fatto avere smentite né precisazioni. Comportamento che ci fa pensare ad una non totale infondatezza delle critiche rivoltegli.
        Restiamo comunque in fiduciosa attesa di notizie sulla querela annunciata.

        Reply
  8. Bravo Lettore da tempo, vorrei solo aggiungere qualche altra festa a spese del sindacato: il matrimonio (invitato tutto l’esecutivo e parte del c generale nello stesso hotel, guarda caso il giorno prima!!), e tante belle spesette nei rimborsi spese dei segretari…e stendiamo un velo pietoso sulla vita privata che non ci riguarda, ma che in altri tempi non lo avrebbe reso gradito in Confederazione… concordo, chi si risente di queste osservazioni non può che far parte del cerchio magico, auguri quindi, noi aspettiamo… come i cinesi.

    Reply
  9. Al signore che si permette il lusso di fare la predica sulla correttezza di alcuni figuri degni delle patrie galere vorrei solo osservare che trascura un piccolo particolare ovvero che i fondatori della CISL erano tanto lontani dalla disonestà in cui e oggi ridotta da non essere minimamente sfiorati dall’idea che potesse degenerare a tal punto e sfido chiunque a sostenere il contrario. Tanto per capirci stiamo parlando d i personaggi come De Gasperi e affini che pur di non spendere i soldi dello Stato per un pastrano sarebbe andato in visita negli USA con uno rivoltato da una brava sarta .Questo per dire che il difensore degli indifendibili farebbe meglio a tacere perche più parla più vomita addosso all’interessato e quelli come lui fango e disonare altro che regolamenti, la cui forma diventa sostanza quando conviene e scompare al contrario.

    Reply
  10. La questione dei servizi e società varie rappresenta una linea, varcata la quale è un attimo sforare negli interessi collaterali e conflitti di interesse vari. Un tempo l’etica individuale e il controllo etico collettivo erano un freno alle tentazioni. Oggi è uno scempio di furbetti e disonesti. Bisogna riconoscere il male se lo si vuole estirpare. Ma probabilmente il pensiero prevalente é : il potere si mantiene chiudendo un occhio…. spesso anche due. Lo scambio degli affaristi Cisl.

    Reply

Rispondi a Anonimo Annulla risposta