Nel quadro delle funzioni

“Sono certa che il Commissario abbia agito con la massima correttezza nel quadro delle funzioni che lo Statuto riserva, in via esclusiva, al commissario della struttura considerata”.

Con queste poche righe, Giovanna Ventura, cioè una che avrebbe l’incarico di responsabile dell’organizzazione di tutta la Cisl e che per di più regge l’Unione di Padova-Rovigo, si lava le mani di una questione delicata sottoposta alla sua attenzione da Irma Carnazza, della locale Fnp: è lecito che un commissario ed i suoi subcommissari impediscano l’esercizio della democrazia associativa? Che non si possano presentare candidature alternative, che non sia garantita la libera espressione del voto, che la presidenza non sia eletta dall’assemblea eccetera eccetera?

Con una mail inviata il 3 novembre scorso, alle 18:17, la responsabile organizzativa della Cisl nonché reggente dell’Unione locale dice che a lei queste cose non interessano, e che un commissario fa quel che gli pare senza rendere conto a nessuno.

Una risposta che dice più di tante parole la drammaticità della questione democratica dentro alla Cisl.

Di seguito pubblichiamo la richiesta di Irma Carnazza, la risposta della responsabile organizzativa della Cisl nonché reggente dell’Unione di Padova-Rovigo, e la controreplica di Irma, che facciamo nostra e sottoscriviamo al cento per cento.

[Fine della terza puntata]

———

Gentile Giovanna Ventura mi rivolgo a lei in qualità di reggente della UST CISL PADOVA ROVIGO, nonché di segretario organizzativo nazionale, a nome personale e in rappresentanza dei colleghi firmatari dell’allegato documento, per denunciare le gravi violazioni statutarie e regolamentari che si sono perpetrate nel corso dello svolgimento dell’assemblea di questa mattina degli RLS della zona di per l’elezione dei delegati all’assemblea straordinaria territoriale FNP CISL PADOVA ROVIGO.

In premessa devo precisare che in qualità di associati abbiamo sollevato alcune obiezioni sul regolamento per lo svolgimento delle assemblee, perché prevede, in violazione delle regole nazionali e regionali, una lista unica senza possibilità di ulteriori candidature, inoltre prevede il voto palese, e non prevede neppure che l’assemblea rivoti il regolamento per poter modificare tali aspetti non rispettosi della libertà dei soci di candidarsi.
Ho chiesto chiarimenti su tali aspetti e abbiamo chiesto di candidarci come gruppo di associati, il sub commissario Fortuni ci ha impedito di farlo. Ho anche chiesto la composizione della commissione elettorale, peraltro prevista dal regolamento, mi è stato risposto che non cera alcuna commissione elettorale e neppure la Commissione Verifica poteri. Ho chiesto di depositare l’allegato documento alla presidenza per rappresentare tali irregolarità e la nostra volontà e mi è stato risposto che la presidenza erano gli stessi sub commissari, il tutto senza una votazione preventiva.
Come gruppo di associati dopo tale trattamento e metodo chiuso ad ogni dialogo e ad ogni regola democratica che la CISL porta avanti da sempre abbiamo lasciato l’assemblea.
Gentile Giovanna Ventura ritengo necessario un suo intervento immediato per bloccare tale metodo e impedire che altre assemblee RLS si svolgano all’insegna del totale spregio della democrazia e contro la volontà degli associati della federazione che si sono dedicati per molti anni allo sviluppo e alla crescita della CISL sul territorio.
Certa di un suo interessamento, che non potrà mancare considerata la situazione venutasi a determinare, le porgo cordiali saluti.

In fede
Irma Canazza

 

 

 

From: Giovanna Ventura < giovanna.ventura@cisl.it>
Date: sab 3 nov 2018, 18:17
Subject: Re: Assemblee RLS
To: < irma.canazza@gmail.com>
Cc: Marco Maurizio Colombo < marco.colombo@cisl.it>

Gentile  Irma  Canazza,

Ho letto  la  sua  mail  che ho inoltrato, per competenza, al commissario  della FNP Padova-Rovigo.

Sono certa  che il  Commissario abbia  agito  con la  massima  correttezza  nel quadro delle funzioni che lo Statuto riserva, in via esclusiva, al commissario della  struttura  considerata.

cordiali saluti

Giovanna  Ventura

 

 

Gentile Giovanna Ventura,
in merito alla sua mail del 3 novembre u.s. in risposta alla mia, non è necessario che io le ricordi che il quadro delle funzioni assegnate al commissario riguarda la ricostituzione degli organismi, nell’ambito delle regole statutarie e regolamentari della CISL, a partire dalle regole per la gestione della fase congressuale. Lei mi insegna che Statuto e Regolamenti della CISL prevedono per l’iter di congressi straordinari le medesime regole dei congressi ordinari, senza eccezione alcuna, a partire dal sistema di voto che rappresenta uno dei momenti massimi della democrazia interna della nostra organizzazione.
Ritengo impensabile che nella sua affermazione: “funzioni che lo Statuto riserva, in via esclusiva, al commissario…” intendesse la decisione di prevedere nel regolamento congressuale “liste uniche, chiuse e bloccate”,  la mancata individuazione delle commissioni elettorali e verifica poteri, la mancata votazione nelle assemblee congressuali di una presidenza e del regolamento, votazioni di tipo palese sulle liste di nominativi in ambito congressuale e soprattutto comportamenti ed affermazioni “contrarie al rispetto della democrazia interna”.
Sono certa che saprà illustrami in modo preciso quali sono le funzioni che lo Statuto riserva, in via esclusiva, al commissario nell’ambito dell’iter congressuale, considerata l’importanza di ripristinare le regole democratiche della nostra organizzazione. Inoltre sono sicura che nel suo ruolo non vorrà sottrarsi di intervenire per una corretta gestione di una fase tanto delicata, quanto importante della federazione dei pensionati che rappresenta oltre il 50% di tutta la CISL di PADOVA ROVIGO.
In attesa di un suo riscontro la ringrazio dell’attenzione e le porgo un cordiale saluto.

In Fede
Irma Canazza

Padova, 5 novembre 2018

Condividi il Post

27 Commenti - Scrivi un commento

  1. Sarebbe interessante confrontare come il segretario generale fnp regionale berti si e’ comportato nella nostra verona ai tempi del commissariamento……..

    Reply
  2. mi informo e leggo · Edit

    mi sto domandando se diffondere documenti privati e e mail…sia resto….buona domenica e forza juve…tanto per sdrammatizzare…

    Reply
    1. Ciao franco, era un po’ di tempo che non frequentavi questo blog per dire a tutti che non vale la pena frequentarlo… ti sei annoiato in questi mesi?

      Reply
  3. mi informo e leggo · Edit

    ciò fermo restando che la giurisdizoone affida al commissario poteri anche e soprattutto in deroga…alle procedure…basta studiare un po per saperlo…in quanto alla signora che scrive…mah…meglio non dire…

    Reply
  4. mi informo e leggo · Edit

    da quel che mi si dice pare che alla signora che scrive…Non sia andata giù nel finale la votazione palese che ha fatto vincere la lista del commissario concordata con la corretta rls…ecco qui…

    Reply
    1. Visto che oltre ad informarti, leggi persino, potresti essere così gentile da informare anche noi riportando integralmente l’articolo dello Statuto o del Regolamento che dice che il commissario ha poteri straordinari e che i delegati si nominano?
      Personalmente leggo poco ma sono molto umile e comprendo se tu mi spieghi.
      Grazie

      Reply
  5. Se questa è diventata la CISL DI: PASTORE, STORTI, CARNITI Ecc. di ispirazione Cattolico democratica io sono mago merlino senza saperlo. E questi loschi figuri, che la democrazia la interpretan ed applicano a loro piacimento osano dare del populismo/fascismo ai 5 stelle e lega ma loro non sono degni neanche di nominarli li fanno lettereìalmete schifo e auguro loro tutto il male di questo mondo ctanto da soffrire le pene che hanno inflitto a ttante persone per bene.

    Reply
  6. anonimo operatore per anni · Edit

    Ma cosa volete che dica una che ha mandato a picco lo ial piemonte e che ha garantito il posto a oltre 100 mila euro l’anno come presidente del caf nazionale.
    100 mila più la pensione da 70/80 mila e volete che le interessi la democrazia e la cisl con questa pacchia?
    Solo una nuova associazione Cisl può risanare questa cisl, ormai è necessario.

    Reply
  7. Quanto accaduto e ampiamente denunciato è gravissimo. È gravissimo perché sembrerebbe, da quanto espressamente detto da Giovanna Ventura, che i commissari abbiano poteri eccezionali, tali per cui tutto diventa lecito. Ma, visto che nessuno di noi è segretario nazionale, vorremmo sapere qual è la norma dello Statuto o del Regolamento che legittimano quanto da lei affermato. Si sarà sicuramente trattato di una distrazione da parte della segretaria nazionale. Ormai una delle tante distrazioni. E non ci stupirebbe che, distrattamente, non si accorgesse di essersi distratta. Così è accaduto quando si è distratta sulla sopravvivenza dei Probiviri nazionali della fp dopo la nomina del commissario Petriccioli. O sui commissariamenti fatti dal commissario senza aver prima fatto il passaggio in esecutivo Confederale come previsto dallo statuto. Si è distratta anche quando in Piemonte i delegati al congresso nazionale, dopo il commissariamento, sono stati quelli del congresso regionale (per non perdere tempo inutilmente a “nominarne” altri). O ancora quando, di recente, il commissario Giuliattini, invece di partire dalle assemblee nei luoghi di lavoro, ha convocato quattro amici di venerdì pomeriggio e gli ha sottoposto un elenco di nomi da mandare come delegati al congresso per eleggere Blandino.
    Certo che sì è distratta, perché se fosse stata attenta avrebbe dovuto pensare che se i delegati non arrivano dalle istanze giuste, il congresso nazionale che l’ha eletta è invalido.
    Poverina, dispiace proprio però. Una persona che ha vuoti di memoria così importanti, dovrebbe stare a casa a recitare il rosario e a curarsi, piuttosto che distruggere una organizzazione.
    Il problema potrebbe essere che poiché tante sue distrazioni non le hanno causato danni gravi e irreparabili, tutto le sembra possibile dall’alto della supponenza.
    Non sempre è così perché tanto va la gatta al lardo…che ci lascia il posticino…

    Reply
  8. mi informo e leggo · Edit

    sicuramente occorre un nuovo sindacato ma costa fatica trovare consenso sul campo meglio rompere le palle…tipo 5 stelle…meglio rompere le palle qui…Fra 4 amici e 20 commenti….medidate gente medidate…sul vostro consenso

    Reply
  9. mi informo e leggo · Edit

    e sicuramente diffondere e mail private è reato……per il resto non conoscete niente nemmeno la abc
    dello statuto…cmq …4 amici e 20 commenti niente di più di ma vorrei dire alla signora canazza.. già commissariata ed era la amministrativa e ci sono le prove della sua. quantomeno leggerezza
    ma voglio dire ….che mi pare reato diffondere e mail private…anzi sono certo sia reato…Non conoscere lo statuto e diffondere mail private….Irma…peraltro non sa ancora il significato della parola confederazione…come ampiamente testimoniato da chi la conosce….mi fermo qui. .

    Reply
    1. Caro “mi informo e leggo” (come se fossi l’unico a farlo…) da come scrivi si capisce dove ti informi e cosa leggi… la signora Canazza è una persona per bene, onesta che ha subìto (assieme al segretario generale e a tutto il Veneto) un commissariamento quantomeno discutibile, per usare un eufemismo. Sia per le modalità (le motivazioni non sono mai state comunicate ufficialmente) che per le conseguenze di immobilismo e inoperosità della struttura che gli iscritti scontano a suon di versamenti da quasi un anno. La matassa del Veneto si sta intricando sempre più tra le mani di chi credeva di poterla gestire in breve tempo a suo piacimento. Un commissariamento discutibile agli occhi delle persone oneste, che sono al di fuori di interessi politici, economici e dei giochi di potere che stanno diventando sempre più palesi in questa CISL. Se è vero che il diavolo insegna a fare le pentole, ma non i coperchi, prima o poi la verità salta fuori e allora qualcuno che ora fa la voce grossa e gioca con i regolamenti, dovrà finalmente rispondere per il proprio operato. Quindi informati, leggi, ma non dimenticarti di pensare…

      Reply
  10. Leggo questo post, i commenti e ogni giorno che passa sembra esser il preludio di una morte annunciata della democrazia associativa. In effetti bisogna chiedersi se poi interessa ancora la democrazia partecipativa che ha come fondamento il rispetto delle regole statutarie e organi di giustizia imparziali e terzi. Ma l di là di tutto appelli, esempi, diffuso disagio ed episodi eclatanti che vengono sbattuti in prima visione sui social si susseguono senza soluzione di continuità. Da testimone dei fatti piemontesi ormai storicizzati ma non archiviati nella memoria di chi vuol conservarla, nulla mi stupisce. Se gli invitati diventano nominati e i nominati diventano grandi elettori mica possiamo meravigliarci dei risultati RSU…pessimi e della sparizione di tanti quadri. In effetti a ben pensarci a cosa serve un sindacato proteso a crescere? Meglio pochi e meglio tener la macchina, gli autisti, i passeggeri sotto costante “monitoraggio”…rectius: vigilanza attiva. Un sindacato che ti toglie la tessera senza preavviso, che ha il terrore di contrastare dialetticamente sul piano congressuale e perciò organizza la farsa dei ricorsi per poi trovare la scusa di commissariare è ricetta ben sperimentata in casa fp. Io l’ho vista e l’abbiamo invano denunciata. Hanno avuto paura di contarsi al congresso nel 2017. Se il gioco del commissariamento funziona una volta perchè non reiterare. Io non sono addentro alle vicende particolari ma sono addentro a quelle che mi hanno riguardato e di cui sono stato testimone…e mi son fatto persuaso che non serve nè la riva del fiume..nè altra poetica: serve una estesa capacità di reazione fatta da pochi e poi come il sasso nello stagno espandere la ribellione e uscire dalle case di vetro e ricostruire quelle di pietra….Io non posso più prendere la parola, ma prendere le distanze questo si…e l’ho fatto da tempo.

    Reply
  11. mi informo e leggo · Edit

    bruno tu sei una brava persona .come anch’io..comunque non bisogna scordare i reati….la signora….ha commesso reati..e inoltre non sa le norme…bene da …ma mi fa ridere admin che.. pubblica tutto ciò. admin da domani nuova Cisl…ma costa fatica avere consenso…e reato perfino pubblicare i ricorsi…che dovrebbero stare all interno delle regole cmq 4 amici e 20 commenti compresi i miei…questo ve la dice lunga

    Reply
  12. E io mi chiedo che sarebbe interessante chiedere alle RLS se la lista in questione è stata concordata con il commissario….e sarei altresì curiosa di sapere come si è comportato il segretario fnp Berti ai tempi del commissariamento di VR. La CISL non la riconosco più….o forse non esiste più…..

    Reply
    1. Gentile Signora Claudia, penso di poter dare una risposta esprimendo il mio parere nel merito dei suoi quesiti
      Le liste dei candidati delegati all’assemblea straordinaria territoriale non vanno concordate ma presentate, stiamo parlando di assemblea degli iscritti e questi non sono commissariati. Lo stesso regolamento emanato dal Commissario stabilisce :
      Art. 16 – L’ordine del giorno dell’Assemblea Precongressuale Straordinaria comprende:
      1. Elezione dell’ufficio di Presidenza;
      2. Elezioni dei Delegati all’Assemblea Congressuale Straordinaria Territoriale Fnp Cisl, per l’elezione dei Delegati al Congresso Straordinario Fnp Cisl del Veneto.
      Art. 17 – All’inizio dei lavori l’assemblea elegge:
      All’inizio dei lavori l’assemblea elegge: La Commissione Elettorale e gli Scrutatori.
      Nell’assemblea contestata non è stata eletta nessuna commissione, anzi è stata zittita l’iscritta che l’ha chiesta. Il sub Commissario, d’autorità si è sostituito alla commissione
      Art. 19 – L’elezione dei Delegati all’Assemblea Straordinaria Territoriale avverrà mediante lista unica dei candidati, predisposta in ordine alfabetico.
      In ogni regolamento Congressuale è scritto che la lista o le liste vanno presentate entro i termini stabiliti all’inizio dell’assemblea (dal Presidente del’Assemblea stessa) . (Vedi anche art. 21 sotto riportato).
      In caso di più liste, su proposta del presidente della stessa Assemblea e con il voto della maggioranza dei 2/3 dei votanti le liste possono essere riunite e formano così un’unica lista. In questo caso i candidati vanno inseriti in ordine alfabetico.
      Art. 20- Mediante votazione palese, risultano eletti i candidati della lista.
      Il voto palese per l’elezione dei delegati non si trova scritto da nessuna parte, o almeno io in 48 anni di CISL non l’ho mai visto. Che vuol dire poi “risultano eletti i candidati della lista”, e chi se no.
      Questa è una violazione dei regolamenti, oltre che irrisione dei principi democratici della nostra organizzazione. qualcuno dovrebbe spiegare a che serve convocare l’assemblea degli iscritti se questi devo solo alzare la mano su dei nominativi imposti dal commissario.
      Nelle assemblee di altri territori è stata eletta la presidenza, è stata fatta una proposta di candidati predisposta dalla Segreteria Territoriale in accordo con il Coordinatore di RLS e se qualcuno liberamente voleva candidarsi veniva aggiunto e si procedeva all’elezione a scrutinio segreto.
      Inoltre se non fai una commissione verifica poteri, come fai a sapere che quelli presenti hanno diritto in quanto residenti in quella RLS
      Art. 21 – La presentazione delle candidature dovrà avvenire durante lo svolgimento dell’Assemblea Straordinaria della RLS entro il termine indicato dal Presidente dell’Assemblea stessa.
      Niente di quello che è qui stabilito è stato fatto. Anzi, nonostante richieste esplicite e dirette, nessuna candidatura, seppur espressa è stata considerata. Nelle Assemblee, alla richiesta di proporsi come delegato/a, veniva detto che non era possibile accettare candidature, in quanto la lista era già fatta e bloccata. Direi che la procedura fa acqua da tutte le parti. In Assemblea si è violato lo stesso regolamento emanato dal Commissario.

      Visto che è stato chiesto di sapere, sull’argomento provo a dire la mia esperienza
      Congresso straordinario della FNP di Verona, Commissario Adolfo Berti, qui credo di poter essere ancora più esaustivo avendo partecipato a tutte le assemblee di Lega ed essendo poi stato eletto Segretario Generale al Congresso straordinario. In quel 2010/2011 ho potuto constatare la competenza, l’onestà, le qualità umane e l’amore di Adolfo Berti per la CISL. Tutti gli iscritti vennero convocati con lettera, ad ogni assemblea veniva eletta la commissione elettorale, tutti gli iscritti potevano candidarsi e formare liste. Tutte le elezioni vennero fatte a scrutinio segreto. Al Congresso straordinario vennero presentate 2 liste. Gli iscritti potevano scegliere i loro delegati in entrambe le liste. Altri tempi, altra CISL.
      Se vuole altre delucidazioni sono a disposizione
      Verona novembre 2018
      Luigi Bombieri ex Segretario Generale regionale FNP
      VI PREGO FIRMATE I VOSTRI COMMENTI DI CHE AVETE PAURA

      Reply
  13. Grazie al blog per le informazioni che diversamente no avremmo mai potuto avere, grazie anche a chi minaccia possibilità di denuncia per mettere a tacere le persone.in questo modo conferma solo.quanto la verità sia.scomoda, chi si ritiene nel giusto non dovrebbe avere paura della trasparenza. I problemi veri sono altri, che siamo in un’organizzazione sindacale che impedisce il dibattito interno, che isola ogni voce diversa, che impedisce una vera democrazia interna e usa statuto e regolamento per ‘normalizzare’ tutto il gruppo dirigente..

    Reply
  14. L’amara verità è che la CISL come le altre sigle sindacali ubbidienti ai partiti di riferimento A suo tempo accettarono il piano di deindustrializzazione e delocalizzazione e privatizzazioni ben coscienti del fatto che il sindacato sarebbe lentamente morto. Cosa che si sta consumando nel modo e nelle forme che vediamo.
    Dobbiamo prendere atto che come sono finiti i partiti sono finiti anche i sindacati perchè la guerra, per ora l’ha vinta il neoliberismo e dunque il famoso 1% di straricchi.
    Bisogna riportare il potere al popolo tramite una politica di classe che riappropriandosi della sovranità faccia le legge che ridistribuiscano la ricchezza in modo molto ma molto più equo.
    Cosa che non può essere fatta da chi, tradendo i lavoratori li ha ridotti in questa situazione. Dunque prima un tutti a casa senza scartare l’ipotesi della prigione per alto tradimento e poi cominciare a ricostruire nuovi rapporti sociali tra le classi

    Reply
  15. Il problema è che questa organizzazione non solo ha perso la bussola e il senso politico, ma uccide le ultime teste pensanti sui territori che tengono letteralmente insieme la cisl… Come immagine e percezione nei NOSTRI ISCRITTI.

    L’Alternativa se questa tendenza non si arresta… E quella proposta da Bruno

    Reply
  16. Vedo segnali di stanchezza. Occorre sostenere lungo questo faticoso cammino nel deserto i più deboli. Può anche succedere che prima che le cose cambino saremo tutti morti ma nessuno potrà negarci l’onore sia pure postumo di aver identificato e sbeffeggiato il tiranno. capisco che definire tiranni certi biscazzieri è troppo.
    I Tiranni con la T maiuscola sono personaggi da tragedia…Questi invece sono topi e ranocchie di quella guerra così splendidamente tradotta dal grande Leopardi. Una farsa dunque vedere in campo spazzacamini e lavavetri che si raccontano come epigoni di una grande storia che invece essi hanno tradito e stuprato.

    Reply
  17. Ignoranti si nasce informati si diventa….. Diffondere mail pubbliche non è reato. Scrivere su ordine della casa di vetro per spandere fango senza aver letto e confrontato il regolamento del commissario e il regolamento cisl è reato. Coprire le malefatte statutarie da coloro che dovrebbero essere i garanti della correttezza, è reato. Si legge ci si informa, si interpreta e veri servitori della casa di vetro si sceglie di essere…Ma si sa’, tutti i lavori pagati con i soldi degli iscritti…meritano rispetto

    Reply
  18. “L’analfabeta funzionale sa leggere e scrivere, ma non sa trarre da queste abilità spunti o informazioni utili.
    Non comprende il senso di un testo.
    Non costruisce analisi articolate.
    Paragona il mondo solo alle sue esperienze dirette”.

    Caro “ leggo e mi informo”, leggi e informati che probabilmente fai parte di questa categoria. Se il Commissario ha poteri in deroga, in deroga a che, allo statuto e regolamento di attuazione della CISL. Al regolamento emanato dal Commissario della FNP regionale, al suo stesso regolamento emanato per le assemblee straordinarie di RLS. In deroga anche ai principi democratici che la CISL sbandiera nei congressi e nelle piazze.
    Illuminaci e te ne saremo grati.
    Il tuo giudizio poi sulla Signora Irma Canazza ti qualifica quale sei, oltre ad essere un analfabeta, sei anche un villano maleducato, che si nasconde dietro l’anonimato, vergognati.
    Abbi il coraggio delle tue azioni!
    Luigi Bombieri

    Reply
  19. ECCO I FRUTTI DELLA POLITICA SINDACALE DEL NUOVO MILLENNIO SONO RIUSCITI A DELUDERE E DISINCATARE PERFINO GLI EMILIANI ED IN PARTICOLARE I MODENESI GENTE ABITUATA A RIMBOCCARSI LE MANICHE E LAVORARE SODO MA ANCHE A PRETENDERE E DIFENDERE I PROPRI DIRITTI E CHE PER QUESTO HANNO FATTO LA STORIA DEL SINDACATO. Dal Corriere.it del 9 u.s.
    SINDACATO, IL NUOVO LOAVORO E’ ANCORA INCOMPRESO. Non si può certo dire che in questa era di transizione IL RUOLO DEL SINDACATO SIA IN LINEA CON LA SUA STORIA di Dario di vico
    Alla domanda chi difende meglio il lavoro, il campione proporzionale di 700 residenti modenesi ha dato come prima risposta (28,3%) «un lavoratore deve difendere da solo i propri interessi». Staccando di oltre 10 punti «i sindacati».

    Reply
  20. mi informo e leggo · Edit

    peraltro vorrei aggiunegere cose ma mi sto zitto…il tuo commento livoroso ormai tutti lo capiscono…….cmq non capisco perché si parli della Emilia-Romagna…comunque…lo ripeto…se già sapete tutto..perche mi chiedi di illuminarti…sei già illuminato….congratulazioni

    Reply

Commenti