Giulio secondo il temporeggiatore

Il Messaggero ha scritto nei giorni scorsi che Giulio Romani, segretario del sindacato dei bancari Cisl, è molto considerato dai banchieri.

Forse per ricambiare, la First è il sindacato che ha preso in maggior considerazione la richiesta dell’Abi di prorogare di un anno il contratto in scadenza a fine anno.

Altre organizzazioni non sono altrettanto comprensive verso la richiesta, considerandola una rinuncia ad un anno di aumenti salariali avanzata in un momento in cui le cose nel settore non sembrano affatto andare male

Per oggi è attesa la risposta dei sindacati. Fra i quali ci sono due linee: quella di Giulio secondo il temporeggiatore, per il quale è meglio prorogare per trattare con comodo in un’ottica più ampia (c’è sempre qualche riforma da fare con la quale guadagnarsi la considerazione della controparte…) e quella di Fabi, Unisin e Fisac Cgil, per le quali il momento di parlare di aumenti salariali è ora, e non fra un anno e mezzo.

A complicare la partita c’è anche la ridefinizione degli organigrammi nella controparte datoriale. Ma questa è la cosa meno interessante.

Più significativo è il fatto che la moderazione salariale sembra entrata nella testa dei dirigenti della Cisl tanto in profondità che sembrano incapaci di giocare qualsiasi altro ruolo. Per cui sembra che chi si si iscrive alla Cisl lo fa per evitare che le sue retribuzioni crescano troppo, o troppo in fretta. Il che è un modo abbastanza facile per avere la considerazione della controparte.

D’altra parte, il core business della First Cisl è da tempo diventata la partnership per la gestione di servizi. In particolare attraverso Aletheia. È dei giorni scorsi una circolare ai segretari delle unioni territorialli e regionali con la quale Aletheia consiglia, un po’ anche a nome di Via Po 21, la sottoscrizione di assicurazioni per i responsabili dell’applicazione delle nuove regole europee sulla privacy.

Queste sono le priorità. Per parlare di aumenti in busta paga c’è sempre tempo…

aletheia DPO

Condividi il Post

11 Commenti - Scrivi un commento

  1. Forse la strategia è un’altra. Tirare per le lunghe (i contratti dei bancari sono stati sempre rinnovati con incomprensibili ed ingiustificati ritardi) perché così sarà un’altra persona ad occuparsene. In ogni caso tranquilli: la First da tempo è diventata irrilevante: provvede la Fabi di Sileoni, in tutto copiata puntualmente dalla First, anche nel culto mediatico della personalità.

    Reply
  2. Ormai siamo diventati dei burocrati. Sento Pastore rivoltarsi nella tomba.
    Ma giungerà presto il giudizio….. se non quello divino almeno del popolo.

    Reply
  3. Pt sempre più ex · Edit

    Il romani pieno di debiti non sa più cosa far per ragranellare soldi
    E così quelli della segreteria e allora si spartiscono i soldi con i padroni
    Chiedete degli amici del romani nella gestione dei fondi aletheia è jna copertura
    Fatevi dire quanti regalo costosi ecc.

    Reply
  4. chissà perchè mi sembra che qualcuno che con grande impeto si inserisce nei vari commenti contro il Romani magari ha avuto qualche “piccolo” problema con quest’ultimo…….non certo per caso………
    semplice “dubbio”.
    Ancora a parlare di Aletheia……. copertura……..strana società…………… anche in questa circostanza un astio alquanto interessato?
    Comunque, per onore di cronaca, alla riunione TUTTE LE ORGANIZZAZIONI hanno chiesto la proroga……………….

    Reply
      1. guardate cosa è accaduto il 14 e non gli articolo promossi dalla Fabi. Mi chiedo una cosa: ma esiste mai una valutazione obiettiva dei fatti? O c’è sempre qualcosa da criticare a meno che non sia distonico con la CISL?

        Reply
  5. Il contratto normativo dei bancari non c’è più da un bel pezzo e quello economico ha subito parecchie perdite con l’introduzione di voci non pensionabili e/o non utili per il computo della base tfr e previdenza complementare.

    Reply
  6. guardate cosa è accaduto il 14 e non gli articolo promossi dalla Fabi. Mi chiedo una cosa: ma esiste mai una valutazione obiettiva dei fatti? O c’è sempre qualcosa da criticare a meno che non sia distonico con la CISL?

    Reply
    1. Questo è uno spazio aperto; se vuoi far capire a tutti cosa è accaduto il 14 spiegacelo pure tu con parole tue. Quanto a noi, garantiamo esattamente la stessa libertà a chi è distonico e a chi è sintonico.

      Reply
  7. Il 10 giugno scorso in Svizzera si è svolto un referendum che avrebbe potuto cambiare il volto del sistema bancario mondiale (così scriveva la stampa svizzera); specificando che: votare sull’introduzione di una misura nota come sovereign money initiative (iniziativa basata sulla moneta sovrana). L’iniziativa, se introdotta, avrebbe cambiato radicalmente il modo in cui la Svizzera gestisce la propria economia e forse avrebbe potuto innescare un effetto domino tra le altre economie del mondo
    Il concetto di “moneta sovrana” è di per sé piuttosto complicato, ma sostanzialmente implica un cambiamento rispetto a ciò che è attualmente riconosciuto o meno come moneta. Cosa hanno detto o fatto i sindacati dei bancari per informare gli iscritti e i cittadini ? Eppure la cosa non era certo di poco conto se “avrebbe potuto innescare un effetto domino tra l’economie del mondo? COME SI SPIEGA QUESTO ASSORDANTE SILENZIO? Anche degli addetti ai lavori? Qualcuno, accantonando per un attimo la lotta di potere interna, potrebbe spiegare a noi profani di cosa si tratta ? Grazie
    un gruppo di ignoranti

    Reply

Commenti