Non c’è niente da chiarire

Il professor Bonanni, raggiunto dall’inviato di “Non è l’Arena”, ha ribadito che sulla sua pensione non c’è niente da chiarire. E in fondo ha anche ragione. Quel che è successo lo hanno capito tutti quel che volevano capire. E cioè che la pensione di Bonanni è stata accresciuta dal fatto che negli ultimi anni lui ed i suoi colleghi, come la signora Anna Maria, il dottor Sbarra dell’Anas, l’aspirante segretario generale Petriccioli e gli altri si sono aumentati gli stipendi ben oltre le indicazioni del regolamento confederale. Ed erano tutti d’accordo.

Poi i suoi colleghi lo hanno fatto fuori, ed hanno passato le informazioni sulla sua pensione alla stampa, dicendo di voler fare pulizia. Per questo la Cisl ha adottato un nuovo regolamento economico, che ha alzato il tetto dei massimi consentiti invece di abbassare le retribuzioni indebite. E quando Fausto Scandola ha spiegato come stavano le cose è stato espulso.

Le cose stanno così, e non c’è nient’altro da chiarire. Almeno per chi ha voluto capire.

 

Condividi il Post

12 Commenti - Scrivi un commento

  1. Scusate ma proprio perché tutto è stato pubblicamente e candidamente ammesso giustificando il comportamento truffaldino (nei confondi dello stato per avere una pensione conseguente alle cifre false dichiarate di avere guadagnato per aumentare gli stipendi degli ultimi mesi che venivano presi in considerazione per calcolare le pensioni col metodo retributivo (ovvero non in rapporto ai contributi versati ma all’ultimo stipendio percepito. Non fu per caso che l’edile Bonanni prese uno degli ultimi treni in partenza prima che la legge Fornero lo bloccasse anche solo parzialmente.
    Una domanda da profano ma la magistratura non avrebbe dovuto agire d’ufficio rispetto ad una truffa bella e buona perpetrata ai danni dello Stato?
    Onore alla memoria del protomartire CISL Fausto Scandola

    Reply
  2. Dal Corriere della Sera di oggi:
    DI MAIO, NELL’INCONTRO CON UNA GENERAZIONE ABBANDONATA PROMETTE AI <> SALARIO E DIRITTI – FINORA MAI RICONOSCIUTI.
    MA QUESTA, NON SAREBBE DOVUTO ESSERE MATERIA SINDACALE? DOVE ERANO LE SEGRETERIE CONFEDERALI IN QUESTI ANNI? COSA HANNO FATTO, A PARTE LE SOLITE LOTTE DI POTERE INTERNO E AUMENTI DI STIPENDIO ALLE CIFRE ASTRONOMICHE CHE TUTTI ABBIAMO CONOSCIUTO GRAZIE ALLA BUONA ANIMA DI FAUSTO TUTTORA ESPULSO DAL CISL PER AVER DENUNCIATO SIMILI PORCHERIE?
    MA LA COSA PIU’ GRAVE DI TUTTE E’ STATO IL VENDERSI IL DESTINO DEI LAVORATORI? PER INTERESSE PERSONALE.
    LA IENA RIDENS, CHE RIDE SEMPRE, ANCHE QUANDO CI SAREBBE DA SPARGERE FIUMI DI LACRIME PER IL MALE CHE CON I SUOI COMPARI HANNO INFLITTO AGLI ITALIANI? HA MINIMAMENTE IDEA DELLA PENA CHE MERITERBBE PER QUESTO IN UN PAESE MINIMAMENTE NORMALE?
    MA PER DIRLA CON UN PROVERBIO: FAI MALE E PENSACI …….. FAI BENE E SCORDALO

    Reply
  3. Pt sempre più ex · Edit

    A perché non andiamo alle sue lezioni e lo diciamo?
    Per la redazione
    Perché non inviamo nostri articoli e nostri sito al di Majo?

    Reply
  4. Assolutamente no. Non è normale il profittatore di cui sopra.
    Ma della serie al peggio non c’è mai fine (almeno in cisl) segnalo che da anni, Il giornalista Giordano rivolge costantemente una domanda al Prof. Universitario Sergio D’Antoni (ex segretario cisl). Chiedendogli: in quale Università,, in che periodo e cosa ha insegnato il prof. D’Antoni per percepire una cospicua pensione che ovviamente si somma alle altre ?

    Reply
  5. Mentre di Maio era al tavolo con i rider’s la Furlan era a fare visita alla Bayer che ha appena acquistato Monsanto e tutti conosciamo lo scempio ambientale e e spesso pure umano di quest’ultima . Un’altra occasione persa, un altro vuoto lasciato ad altri, un altro macigno sulla fine di un’era sindacale.

    Reply
  6. e cmq Di Maio ha salutato i lavoratori dello sviluppo economico in diretta facebook (lavoratori e non dirigenti) e ha detto loro di parlare direttamente con lui. forse sono finite le liturgie sindacali. nessun accenno al sindacato

    Reply
  7. UN SINDACATO, RIDOTTO NELLO STATO DELLA CISL- OGGI PUO’ SOLO MORIRE PER AVERE LA SPERANZA DI RINASCERE. SE FOSSERO PERSONE NORMODOTATE TOGLIEREBBERO IL DISTURBO, CON UN TUTTI A CASA PRIMA CHE LI DIMETTONO SALVINI E DI MAIO.
    MA SICCOME HANNO IL CERVELLO DI UNA GALLINA E LA PRESUNZIONE DI UN DIO IN TERRA PRESTO CI OFFRIRANNO LO SPETTACOLO “DALLE STELLE ALLA STALLA”

    Reply
  8. Purtroppo la cisl non è cambiata affatto, in tempi di magra come quelli che viviamo oggi ci sono dirigenti sindacali locali che si attribuiscono stipendi d’oro, con il fine che tutti conosciamo. Non sono solo Bonanni o Furlan ma a scendere tutti i segretari, Regionali e Provinciali, si stanno garantendo la pensione futura. Mi auguro che la legge cambi presto.

    Reply

Commenti