Pardini chi?

Quando qualche dirigente della Cisl si trova invischiato in qualche problema etico o giudiziario, Via Po 21 ha sempre lo stesso atteggiamento. quello di far finta di niente, di non prendere posizione ufficialmente e far filtrare, più o meno, sempre lo stesso ritornello: “Quello? Lo conosciamo poco… noi siamo la casa di vetro”.

Così è stato fatto con Maurizio Bernava, già segretario confederale e da poco  nominato dalla Cisl come direttore – e non a titolo gratuito – del fondo per la formazione creato in società con la Confindustria e le altre confederazioni, attualmente indagato in Sicilia nell’inchiesta che ha portato agli arresti un importantissimo dirigente dell’organizzazione degli industriali.

E così viene fatto oggi con Giovanni Pardini, per dodici anni segretario generale della Cisl di Livorno e contemporaneamente patron della Libertas basket, l’uomo che aveva assunto parenti, affini, persone care e giocatori di pallacanestro che arrotondavano lo stipendio negli enti del sindacato.

Richiesta di un parere sulla vicenda, la signora Anna Maria tace anche stavolta. Mentre a livello informale viene fatta girare la disinformazione secondo cui Pardini era protetto da Petriccioli, mentre “la Furlan e la sua segreteria non hanno mai potuto scoprire non solo le assunzioni dei figli e delle nuore al Caf, ma neanche come funzionava l’intreccio tra Libertas e Cisl”, come ha scritto il Tirreno. Traduzione: su Pardini chiedete a Petriccioli, non a me, io sono quella che fa pulizia a Via Po 21

Ma le bugie hanno le gambe corte, e non solo per la pallacanestro. La verità è un’altra. E cioè che Maurizio Petriccioli era un componente importante di quella segreteria della Furlan che, secondo la disinformazione che parte da Via Po 21, non sapeva niente di questa storia.

Di più: Petriccioli è stato uno dei congiurati che hanno accoltellato Bonanni per sostituirlo con la signora Anna Maria, in modo che tutto cambiasse perché tutto potesse restare come prima.

Ancora, Petriccioli è stato scelto come l’uomo simbolo della pretesa operazione pulizia nel tesseramento della Fp (tesseramento che nella Cisl dipende semmai dalle Unioni territoriali, come quella di Livorno…).

E soprattutto, Petriccioli è uno di coloro che hanno firmato l’ordine di espulsione di Fausto Scandola per aver detto la verità sullo stipendio di Petriccioli, Furlan e soci.

E così, quando Pardini dava del “vigliacco” ad un uomo coraggioso e leale come Fausto, lo faceva per proteggere entrambi i suoi protettori, cioè il tandem Petriccioli-Furlan. Anche perché non sarebbe stato possibile difendere uno solo dei due, visto che Fausto li aveva accusati - giustamente – della stessa cosa.

Solo con la fedeltà ad entrambi Pardini ha potuto sentirsi al di sopra delle regole e fare quel che ha fatto senza che nessuno protestasse. Perché chi avesse protestato si sarebbe messo contro i signorotti suoi padroni.

Ma quando i padroni hanno avuto interessi diversi, a saltare è stato il vassallo ormai inutile. E Via Po 21 racconta in giro che si sta facendo pulizia di storie che vengono fuori solo ora, e che Pardini non lo conosceva nessuno, neanche quando, alla presenza di Petteni, esaltava il nuovo corso della Cisl furlaniana e dava del vigliacco a chi aveva svelato l’imbroglio in atto.

E invece Pardini non solo lo conoscevano tutti, ma è un simbolo perfetto del destino sia della Libertas che della Cisl: che un tempo erano grandi e forti, e ora invece sono cadute tanto in basso da meritarsi certi dirigenti, locali e nazionali.

 

Condividi il Post

6 Commenti - Scrivi un commento

  1. CHE VERGOGNA, IL BUON NOME DELL’ONEST0 FAUSTO, LORDATO DA SIMILI PROFITTATORI, FALS,I BUGIARDI, SPERGIURI E CHI PIU’ NE HA NE METTA.
    Povera CISL sei caduta tanto in basso che di più non si può e tuo malgrado ti tocca morire per poter rinascere con altra gente ed ideali.

    Reply
  2. Io faccio una riflessione che a dire il vero avevo fatto quando fu commissariata la fp e fu nominato il piccolo principe dispettoso.
    La strega cattiva lo ha mandato in esilio in via Lancisi. Un esilio più debole del regno di Faverin. Poi, dopo avergli fatto completare l’azione contro la fp ed averla indebolita ( le rsu sono andate male quasi ovunque), può tranquillamente eliminarlo. Quindi questi sono attacchi al principino capriccioso. E Maurizietto, pensa ancora di scalare via Po…

    Reply
  3. Se il nuovo governo reintrodurra’ la quota 100 rispetto la Fornero, come sperano milioni di italiani, sarà la fine della triplice ed in particolare della Cisl. Mi piacerebbe sapere cosa cova nei cervelli della nostra élite. … magari tireranno fuori dal cilindro l’antico slogan : “merito nostro che abbiamo lavorato sottotraccia”….. ma con chi adesso che non c’è più Baretta? Forse con il sindaco di Roma Raggi?

    Reply
  4. Credo di poter affermare che la Cisl ultimamente non ne azzecca una. Ha un fiuto particolare nello schierarsi sempre dalla parte sbagliata. Probabilmente perché non è nella sua natura schierarsi, di solito prima dell’invasione della mediocrità, la Cisl dava gli indirizzi politici sociali.
    Quello che pensava 8 mesi fa il ministro Di Maio lo sappiamo… come dargli torto.
    https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/09/30/m5s-di-maio-o-i-sindacati-si-autoriformano-o-quando-saremo-al-governo-ci-pensiamo-noi/3886832/

    Reply
  5. Ieri sera un grande Bonanni intervsitato a L’Arena!!!!! La faccia come il sole!!! E tante bugie anche da parte di Cazzolla sulle pensione dei sindacalisti voi che avete i mezzi fate chiarezza se davvero avete come finalità di portare avanti il pensiero di Fausto

    Reply
  6. Marcolino in una intervista all’INKIESTA ha dichiarato che: «Un Paese pieno di debiti e senza industria non sarà mai sovrano»
    La domanda che sorge spontanea a tutti gli italiani è, ma lui, la iena ridens, la Cisl e gli altri sindacati dov’erano mentre tutto questo accadeva ? Quante e quali iniziative hanno messo in piedi per contrastare la deindustrializzazione? Secondo molti malpensanti sembrerebbe che non solo non l’hanno ostocolata ma addirittura favorita. E oggi si permette ancora di pontificare?
    Il Protomartire Fausto si rivolterà nella tomba. POVERA CISL QUANTA PENA MI FAI

    Reply

Commenti