Neanche stavolta

Neanche stavolta il curruculum del dottor Sbarra dell’Anas presentato sul sito della Cisl riporta la data di assunzione presso l’azienda che gli paga parte dello stipendio.

Come tutte le altre volte che è stato eletto a qualcosa,si riporta infatti che il nostro ha fatto la Scuola Cisl di Taranto (che poi è stata chiusa, ma ormai era troppo tardi…) ha fatto il dirigente sindacale in Calabria, ha fatto il segretario regionale eccetera eccetera. Ma resta un mistero da quanto tempo è che l’Anas gli paga una parte dello stipendio (oltre alla parte pagata dalla Cisl, e per la quale fu denunciato da Fausto Scandola).

Eppure sarebbe stato il modo più facile per smentire la diceria secondo la quale il prossimo segretario generale della Cisl ha usato del suo incarico quando era a capo della Cisl calabrese per farsi assumere dall’Anas. E smontare anche la diceria susseguente secondo la quale l’assunzione gli sarebbe servita, cosa che ora non è più possibile, per versare contributi utli a migliorare la pensione.

Ma tanto lui, per ora, forte del patto della pastasciutta, in pensione non ci deve andare.

 

Condividi il Post

8 Commenti - Scrivi un commento

    1. Grazie della segnalazione, per quanto inutile.
      Che sia dipendente Anas lo sapevamo, e ci sembra anche di averlo scritto qualche volta. Quel che non sappiamo – almeno ufficialmente – è se si è fatto assumere mentre era segretario generale della Cisl della Calabria, e quindi senza averci mai lavorato. Cosa che la legge non permetterebbe.
      E già che ci siamo, domandiamo anche che non sappiamo in cambio di cosa l’Anas possa averlo assunto senza farlo lavorare, tanto per fargli un favore…
      Qualcosa di normalissimo?

      Reply
      1. 29 marzo ore 10.04…Con sentenza passata in giudicato perchè il fatto non sussiste il devoto anonimo ha sancito che di questa storiella Anas, che a molti sembra una storiaccia, non si debba più parlare.
        Ammirato da tanta divozione mi è venuta in mente una massima latina. La dico in italiano perchè pessimo frequentatore della lingua di Cicerone……c’è un confine in tutte le cose al di qua e al di là del quale non c’è più rettitudine.
        Buona Pasqua a tutti i trionfanti di questo giovedì santo…Noi aspettiamo la domenica di resurrezione che sarà più radiosa per quanto lunga sia stata e sarà la Quaresima.

        Reply
  1. certo l’anonimo che si preoccupa di precisare la normalità della posizione del nuovo segretario generale aggiunto meraviglia non poco. Ma è evidente che mente sapendo di mentire.

    Reply
  2. Embe? E che razza di informazioni sarebbero? È ovvio che in quella specie di curriculum stanno scritte le cose arcinote e banali. Ma quelle che dovrebbero dissipare i dubbi non ci sono di certo.

    Reply
  3. Non si finisce mai di stupirsi. E la CISL va sempre piu’ indietro, sempre piu’ chiusa nella sua casa di vetro, sempre piu’ lontana da coloro che ancora le danno fiducia con la propria adesione e contributo economico.
    Mi riferisco alla nomina a segretario aggiunto, e di proposito uso la s minuscola, di Sbarra fatta dall’ Esecutivo nei giorni scorsi.
    Una persona sulla quale esistono inquietanti zone d’ombra mai chiarite dall’interessato né dalla segretaria generale e di proposito uso la s minuscola.
    Nell’ottobre del 2015, in occasione dell’Assemblea Organizzativa della SGBCISL dell’Alto Adige/Suedtirol, avevo chiesto al segretario organizzativo, e di proposito uso la s minuscola, Ragazzini di dare degli elementi di chiarezza sulle voci riguardanti gli stipendi fuori regolamento percepiti dai componenti la Segreteria nazionale.
    In particolare avevo chiesto:
    – se SBARRA nel 2014 ha percepito una retribuzione di €. 110.000 dalla CISL e €. 35.000 dall’ ANAS, anziche’ gli 85.000 previsti dal Regolamento CISL;
    – se SBARRA risulta essere in distacco retribuito dall’ANAS, distacco ottenuto nel 2006, fatto grave e illeggittimo, durante il mandato di segretario regionale della Calabria.

    Ora come allora totale silenzio. Nemmeno il coraggio di smentire o querelare, signori segretari e uso la s minuscola che meritate.

    Rampazzo renzo Bolzano
    -

    Reply
  4. #28marzo @FurlanAnnamaria a CG Cisl: la leadership diffusa non è un modo di dire ma la capacità di fare squadra, una squadra vera, unita e coesa. È la Cisl!

    Secondo voi a che si riferisce con il termine leadership diffusa? Quella del pensiero unico per fare il mazzo a chi devia dall’ovvio ?

    Reply
  5. Vedo che i cagnolini (o cagnoline) sono tornati a scodinzolare su codesto blog.
    Rispondere come ha risposto il de cuius riguardo all’affaire Anas è indice di supina malafede : il falso è moneta corrente in questa Cisl. Neppure automi a carica programmata riuscirebbero ad essere tanto tempestivi e intonati allo spartito obbligato. Dovrà essere ben saporito l’osso ricevuto o promesso in premio…
    Il cane è veramente il più fedele amico dell’uomo quasi come i gatti…almeno quelli/e a libro paga quali portavoce infaticabili dell’onnipotente.
    Ora ci aspettiamo che il/la felino/a intoni il vincerò di Turandot affinché nessun dorma nei giorni del trionfo.
    … Cortigiani, vil razza dannata !…

    Reply

Commenti