Il destino del numero due

Quello di segretario generale aggiunto della Cisl è un posto particolare. Sei un numero due, e quindi sei ad un passo dal diventare numero uno. Teoricamente, basta aspettare che chi sta davanti a te finisca i mandati, ed il gioco è fatto.

Ma poi, come insegnano i precedenti, c’è chi c’è riuscito e chi non c’è riuscito.

Ad esempio, Baretta e Santini non ci sono riusciti. Ma soprattutto nel secondo caso la sua elezione era stata accompagnata da una sorta di clausola risolutiva che venne pubblicata addirittura da Enrico Marro sul Corriere della Sera: segretario generale aggiunto sì, successore no, e se ci provi vai fuori. Questo perché Bonanni non voleva avere eredi perché mirava a campare a lungo, anzi a lunghissimo, come fu sancito nel congresso del 2013 che, un po’ come ha fatto Xi Jinping in CIna, aveva cambiato le regole per lasciare Bonanni al suo posto il più a lungo possibile.

Solo che poi la storia è andata in un modo diverso (a Bonanni, non a Xi Jinping): i primi due aggiunti li ha fatti fuori, dirottandoli sulla politica. La terza ha fatto fuori lui nel giro di tre mesi (con in mezzo le ferie d’agosto e dopo l’arrivo di qualche lettera anonima a Via Po 21).

Insomma, i precedenti ci dicono che quando si elegge un segretario generale aggiunto, deve essere chiaro quale sarà il suo destino. Se dovrà cioè lasciare o raddoppiare. E quindi deve essere chiaro anche il destino del numero uno, per evitare troppe guerre civili

Stando così le cose, è probabile che il patto della pastasciutta sia servito a preparare il passaggio.

Tutto sta a vedere se ora ci sarà abbastanza pastasciutta per accontentare tutti; il nunero uno, il numero due e tutti i piccoli numeri che si sposteranno a cascata.

Condividi il Post

8 Commenti - Scrivi un commento

  1. Un gruppo di inquilini che condividono un appartamento e litigano per la scelta delle stanze. Intanto è cambiato il piano regolatore ed i nuovi costruttori stanno per abbattere il palazzo.

    Reply
  2. L’insulsaggine ed arroganza di questi signori non ha limite. Più la società italiana e la CISL con essa affonda più si preoccupano di arraffare e spartirsi il potere. Sono passati solo pochi giorni dalla firma del tanto decantato accordo tra confindustria e i confederali. Accordo tipicamente pro domo sua perchè ai lavoratori arrivano solo parole e licenziamenti tanto che: i sempre meno lavoratori e piccole aziende, stufi di mantenere tanti mangiapane a tradimento hanno deciso di fare da soli.
    Sulla stampa di oggi la notizia che ben 20.000 aziende con più di 10 dipendenti hanno stipulato contratti individuali. Da notare che le imprese con più di 10 dipendenti sono ben 210 mila per un totale di lavoratori stimato in circa 8 milioni.
    Scusate ma questi signori a parte gli spettacolini che ci propinano e le centinaia di migliaia di euro che portano a casa cosa fanno e ancor più chi servono? i I lavoratori no di certo.

    Reply
  3. La Cisl è diventata un regime. Quello che è successo oggi a Via Rieti con la elezione del “dittatore ” è il frutto dell’occupazione del sindacato che Pastore aveva fatto nascere per dare voce ai lavoratori, ed invece viene spazzata via a colpi di epurazioni di persone che potevano dare continuità a quello che il fondatore del già nostro sindacato aveva dato con grande lustro. La Cisl è ormai una succursale del peggior regime mondiale, la Corea del Nord, dove la democrazia è “morta”. Sono rimasti solo i parassiti del mondo del lavoro, coloro che pensano a ” succhiare” i soldi ai poveri lavoratori che a stento arrivano a metà mese. Esiste solo la loro ingordigia e non badano a come mantenere il “potere”. Penso e mi auguro che chi, gloriosamente, ha portato gli ideali della CISL di Pastore possa ritrovarsi e mandare via questi usurpatori del già nostro sindacato. Solo una grande partecipazione alla protesta, come c’è stata il 4 marzo possa ridare dignità e lustro alla nostra già Cisl

    Reply
  4. ed intanto il Maurizio fp rosica e rosica… come disse la furlan a Milano … come farò senza Maurizio… mi sembra evidente che fa… stai sereno Maurizio, che tra le mosse della postina e i processori di DANIELA, presto ti troverai a casa.

    Reply
    1. previsto un summit siciliano tra fila nazionale fp nazionale e usr Sicilia … prove generali di inciucio per salvare il posto?

      Reply

Commenti