Francesco è preoccupato

La mia seconda richiesta è di guardarvi dal cancro sociale della corruzione. Come, in certe occasioni, la politica è responsabile del proprio discredito a causa della corruzione, così lo stesso accade con i sindacati. E’ terribile la corruzione di quelli che si dicono “sindacalisti”, che si mettono d’accordo con gli imprenditori e non si interessano dei lavoratori lasciando migliaia di colleghi senza lavoro; questa è una piaga che mina le relazioni e distrugge tante vite e tante famiglie. Non lasciate che gli interessi illeciti rovinino la vostra missione, così necessaria nel tempo in cui viviamo. Il mondo e l’intera creazione aspirano con speranza ad essere liberati dalla corruzione (cfr Rm 8,18-22). Siate fattori di solidarietà e di speranza per tutti. Non lasciatevi corrompere!

Per la seconda volta in pochi mesi, il Papa solleva il problema della corruzione anche nel sindacato. Lo aveva detto alla Cisl che si stava per riunire a congresso a giugno (“a volte, ma succede in ogni famiglia, la corruzione è entrata nel cuore di alcuni sindacalisti”), e lo ha ripetuto ancora nella lettera di ieri ai partecipanti al convegno in Vaticano “Dalla Populorum Progressio alla Laudato Si'”.

Evidentemente Francesco è preoccupato da situazioni di corruzione sindacale. Casi in cui il sindacalista pensa a sé stesso, o ai suoi cari, e lascia nei guai i lavoratori che gli sono stati affidati come rappresentante.

Cose che accadono “in ogni famiglia”, ma che “è terribile” che accadano. Cose che sono un “cancro”.

Condividi il Post

6 Commenti - Scrivi un commento

  1. Solo una persona, mancante totalmente di DIGNITA’ come la POSTINA, può ignorare ripetutamente il richiamo del Papa; massima autorità di quel popolo Cristiano al quale, a parole dice d’ispirarsi ma di fatto, molto giudaicamente, tradisce e svende ogni volta che apre bocca perché mente spudoratamente sapendo di mentire, dal momento in cui tra la Chiesa e il denaro, tanto tanto denaro (come Fausto ha dimostrato) preferì buttare dalla torre la Chiesa col suo Papa. Cosa che Papa Francesco ha capito molto bene al punto che non perde occasione per ricordarglielo.
    Dunque compagni di fede prima ancora che di sindacato svegliatevi e non fatevi strumentalizzare da questa infingarda perché lei non è amica dei Cristiani come vuol far credere ma dei soldi per fare i quali strumentalizza la vostra buonafede.
    ONORE A FAUSTO PRIMO PROMARTIRE CRISTIANO VITTIMA DELL’INFINGARDA POSTINA

    Reply
  2. Se ne è accorto talmente bene che ha rinunciato a partecipare alle conclusioni mandando una lettera. Il papa è troppo intelligente per farsi trascinare per il bavero…. tiene ben le distanze

    Reply
  3. infatti ierisera il TG1 delle 20 – che notoriamente è molto attento alle parole – ha esplicitamente detto: “in serata il Papa era atteso ad un incontri con i sindacati […] ma HA PREFERITO NON ANDARE e mandare una lettera”
    Potete riascoltare su Raiplay…

    Reply
  4. il problema, e che i confederali hanno la faccia come il … e anche questa volta se ne sbatteranno… dobbiamo agire, il cancro si aggredisce, altrimenti ti uccide. e la Cisl è quasi un malato terminale…

    Reply
  5. L’ignoranza e la supponenza del soggetto (postina) supera quella dell’onorevole dottore (suo padrino putativo) che sarà pure di discendenze floreali ma in quanto a superbia è insuperabile, al punto che alla notizia del forfait di Papa Francesco pare abbia risposto Manzonianamente” ma chi si crede costui” ed io, se mai l’avesse detto gli rispondo ma chi ti credi di essere tu da ergerti a giudice del Papa, misero burino che fino a ieri grufolavi nelle paludi laziali.
    Zorro

    Reply

Commenti