34 a 24

Abbiamo appena ricevuto questo commento, che è più che altro una richiesta di notizie:

… ma è vero che il segretario fnp del Veneto ha battuto la postina & C che volevano buttarlo fuori e invece non ce l’ Hanno fatta ? Dateci conferma o meno …

La notizia risulta anche a noi: Luigi Bombieri, sottoposto da tempo a varie pressioni dal Veneto e da Roma, si è presentato dimissionario davanti al consiglio generale della Federazione regionale; e il consiglio generale ha votato, confermandolo nell’incarico. Per quel che ci risulta, il risultato è stato di 34 voti contro 24. E quindi le buone notizie sono almeno due.

La prima è che si è votato, e che una questione politica non è stata decisa con la solita unanimità costruita con inciuci, colpi bassi, lusinghe e i ricatti, magari con lettere anonime secondo lo stile di chi governa oggi la Cisl. Perché tutta la gestione Furlan è cominciata sotto il segno del ricatto all’ex sodale Bonanni, che inficia l’unanimità sostanziale con la quale la signora fu eletta, e poi rieletta dopo il congresso. E perché l’altra macchia originale è il commissariamento della Fai per aver voluto votare sul proprio scioglimento, addirittura bocciando il testo che la signora in persona aveva approvato e alla sua presenza.

La seconda buona notizia è che nella guerra del Veneto la linea del Piave ha retto. Ed ora i resti dell’esercito invasore risalgono in disordine e senza speranza le valli che avevano disceso con orgogliosa sicurezza.

 

Condividi il Post

7 Commenti - Scrivi un commento

  1. auguriamoci ed auguriamo all’amico luigi che la sua vittoria diventi la Caporetto, per questi manigoldi che hanno venduto gli iscritti e tradito gli i nobili ideali della CISL
    Onore al protomartire Fausto

    Reply
  2. Almeno si è stato rispettato il voto di maggioranza vi sempra poco ! Nella mia regione la maggioranza e passata in minoranza facendo i loro porci comodi. Da quello che sto leggendo penso proprio che la postina e i suoi scagnozzi abbiano le ore contate.

    Reply
  3. se i congressi si potessero svolgere liberamente, senza indicazioni… ma con il vero consenso… i risultati sarebbero certamente molto diversi. ma gli iscritti paganti e non votanti sono la prassi in Cisl

    Reply
  4. osservatore interessato · Edit

    in un’altra epoca quando i valori contavano dopo l’esito della votazione il segretario della Cisl del veneto Rota ed il segretario generale della fnp Bonfanti che volevano la testa dl Bompieri su ordine della postina , sconfitti sul campo , avrebbero dovuto rassegnare le dimissioni. Ovviamente non accadra ‘ nulla di tutto questo ma c’e’ da aspettarsi qualche vendetta sul campo magari inventandosi un commissariamento perche’ il sistema e’ talmente fragile che non puo’ sopportare buchi . Un semplice smottamento puo’ diventare una valanga che travolge tutto il vertice dell’organizzazione

    Reply

Commenti